Il libro di Greta Thunberg, attivista svedese

'La nostra casa è in fiamme' racconta la storia di Greta, la ragazza che vuole salvare il mondo

di Redazione Libri Mondadori

La nostra casa è in fiamme

Greta Thunberg

«Ci troviamo di fronte a una catastrofe. Voglio che proviate la paura che provo io ogni giorno. Voglio che agiate come fareste in una situazione di crisi. Come se la vostra casa fosse in fiamme. Perché è quello che sta succedendo.» Greta Thunberg ha parlato chiaro ai grandi del mondo e ha iniziato così la sua battaglia contro il cambiamento climatico, convinta che «nessuno è troppo picco...

Scopri di più

Quando avrò 75 anni, nel 2078, come spiegherò ai miei nipoti quello che avete fatto al pianeta?

Greta Thunberg

Sedici anni, una tenacia senza limiti. E un libro scritto con il papà, la mamma e la sorella.

Greta Thunberg, la sedicenne attivista svedese che vuole salvare il mondo, ha scritto un libro: La nostra casa è in fiamme. La mia battaglia contro il cambiamento climatico. 


Dentro c'è la sua storia di sedicenne: come si è avvicinata fin da piccolissima alla causa ambientalista e come ha iniziato il percorso che l'ha portata a fare il primo sciopero il 20 agosto 2018. Tutti i venerdì, per quasi un anno, Greta si è seduta davanti al parlamento svedese. Ha iniziato da sola, saltando la scuola ogni settimana per protestare contro l'indifferenza dei governi ai problemi ambientali.


La sua notorietà è cresciuta rapidamente anche grazie ai discorsi tenuti alla Cop24 - il vertice sul clima delle Nazioni Unite svoltosi in Polonia lo scorso dicembre - e al forum di Davos. Durante il summit polacco Greta ha lanciato il movimento Fridays For Futureoggi composto da migliaia di ragazze e ragazzi, molti adulti e oltre 3000 scienziati che di venerdì si riuniscono nelle piazze di tantissime città per chiedere ai governi azioni concrete contro i cambiamenti climatici.


La protesta di Greta è diventata talmente imponente che un gruppo di deputati norvegesi ha deciso di candidarla per il Nobel per la pace 2019. 

Il 15 marzo milioni di studenti di oltre mille città sparse in tutto il mondo, Italia compresa, hanno seguito il suo esempio e sono scesi in  piazza per lo sciopero globale per il clima,  chiedendoai governi impegni concreti per salvare il nostro pianeta.