‘I ragazzi della Nickel’: il nuovo atteso libro di Colson Whitehead

Un romanzo potente su un angolo buio di storia americana

di Redazione Libri Mondadori

In libreria il nuovo romanzo di
Colson Whitehead, il "narratore d'America"


Dopo La ferrovia sotterranea, il romanzo che gli è valso il Premio Pulitzer e il National Book Award, Colson Whitehead torna con un atteso nuovo romanzo: I ragazzi della Nickel, dal 3 settembre in libreria per Mondadori.
L'autore, a cui il Time ha dedicato la copertina dello scorso 8 luglio, viene considerato il "narratore d'America" per la sua capacità di portare i lettori alla scoperta della Storia e delle storie del passato americano con una narrazione potente e travolgente.


Colson Whitehead - Time

Photograph by Wayne Lawrence for TIME


Dopo aver raccontato con piglio avventuroso la schiavitù negli stati del Sud della prima metà dell'Ottocento, con I ragazzi della Nickel Colson Whitehead racconta un altro angolo buio di storia americana: siamo ancora nel Sud segregazionista, ma qui alla metà del Novecento. Sono gli anni dei discorsi di Martin Luther King, del boicottaggio dei bus pubblici dopo l'arresto di Rosa Parks, delle prime lotte civili che si scontravano con un razzismo dilagante.
Il protagonista del romanzo è Elwood Curtis, giovanissimo afroamericano diligente e promettente che ascolta ammirato i discorsi di Martin Luther King sperando in un domani migliore e sognando l'università.
Vittima di una serie di sfortunati eventi, viene spedito in un riformatorio chiamato Nickel Academy che ha l'obiettivo di educare i giovani ribelli per fare di loro degli adulti responsabili e onesti.
Ma dietro la facciata bianca della Nickel Academy e sotto i verdi prati in collina c'è molto altro, c'è un mondo che Elwood non immagina fatto di sangue, privazione e umiliazioni.


Dalla storia vera al romanzo


La storia de I ragazzi della Nickel è ispirata a quella vera della Arthur G. Dozier School for Boys di Marianna, in Florida, un istituto di correzione chiuso nel 2011 e luogo di abusi e violenze scoperti solo anni più tardi grazie agli studi che scienziati hanno condotto sui terreni intorno alla scuola. La ricostruzione dell'autore, fedele e potente, conduce il lettore al tempo delle leggi razziste di Jim Crow.
Il romanzo ci fa interrogare su un capitolo problematico della storia americana e sull'eredità che questo ha avuto sull'America di oggi e sulla definizione dell'identità nera, per troppo tempo schiacciata.
Un tema molto attuale non solo nella letteratura, ma anche nell'intrattenimento, come dimostra il successo della serie Netflix When they see us che racconta un'altra storia vera che ha sconvolto gli Stati Uniti. 


 

Quattro chiacchiere con Colson Whitehead

Quando Colson Whitehead racconta, ha un magnetismo tutto suo che si unisce a un'ironia capace di stemperare un po' la forza dei temi presenti nei suoi romanzi. Lo abbiamo incontrato a Milano, a pochi giorni dall'uscita del suo nuovo libro I ragazzi della Nickel, per ascoltare quali sono le sue fonti di ispirazione, cosa…

Scopri di più


Con "I ragazzi della Nickel" Colson Whitehead, protagonista a settembre del Festivaletteratura di Mantova, prosegue questo percorso di riappropriazione dell'identità afroamericana: narrare il passato tragico per cercare di vivere in pace il presente, ricostruire la "tradizione del nero", come la definiva James Baldwin, e riconferirle la dignità schiacciata. La storia della piccola schiava Cora, protagonista della Ferrovia sotterranea, serviva anche a questo. Oggi Cora ha passato il testimone ideale a Elwood e Turner, i ragazzi della Nickel, la cui storia riflette il sonno dei diritti e delle libertà con cui l'America si trova ancora una volta a dover fare i conti. 


(Marco Bruna su La Lettura, luglio 2019)



Colson Whitehead - rassegna



Cosa si dice all'estero sul romanzo


Instead of the violence, Whitehead homes in on the way in which every action fits into a fully orchestrated whole, which is why I would wish everyone, black or white, to read this novel. He demonstrates to superb effect how racism in America has long operated as a codified and sanctioned activity intended to enrich one group at the expense of another. (The Guardian)

This is a heartbreakingly good novel. Its excellence doesn’t lie in the attitude it takes to a social problem, which may immediately impress prize juries. Rather, this is a book which should last because of the elegant refinement of its treatment, and the harmonious and deeply affecting balance it strikes between real-life conditions, and the requirements of the finest and most penetrating art. (The Spectator)

This is a simple yet breathtaking novel, gathering force to the bitter end, striking the reader in its final pages with a revelatory force. (Financial Times)

But all that simplicity is just part of Whitehead’s trick. There’s something else going on here, something terrible and heartbreaking, and when Whitehead at last eases it out into the open, he does it so beautifully that, reading, I found myself catching my breath. (Vox)

Whitehead has a talent for creating ambiguous, complex scenes that fix in your memory. The Nickel Boys feels like a necessary fictional project, writing the blank or buried pages of US history; and it’s done with virtuosity. (Evening Standard)

The Nickel Boys also shows us the forces that impede progress: cowardice, corruption, sadism. The novel’s narrator explains that, from tax regulations to building codes and parking tickets, Nickel’s printing press does all the publishing for the government of Florida. (Vanity Fair)

There was joy, Whitehead says, in discovering these characters and making them real. He explored “the war between the two boys’ philosophies: optimism, hope, activism and then pessimism, realism, cynicism — trying to find that integrated path that makes a whole person,” he says. “Elwood doesn’t have an answer; neither does Turner." (Los Angeles Times)

I ragazzi della Nickel

Colson Whitehead

Primi anni Sessanta, Florida. Il movimento per i diritti civili sta prendendo piede anche a Frenchtown, il quartiere afroamericano della capitale, ed Elwood Curtis, un ragazzino cresciuto dalla nonna, si forma sugli insegnamenti di Martin Luther King. Il suo grande sogno è frequentare il college e iniziare la sua nuova vita, ma proprio il primo giorno di scuola accetta un passaggio su un'auto ...

Scopri di più