Libro Tre uomini e una vita Aldo Giovanni e Giacomo

Tre uomini e una vita

«A trent’anni passati da un pezzo eravamo ancora tre mal trà insèma, come si dice a Milano: tra bambinoni che non si rassegnavano all’idea di mettere la testa a posto e tenersi stretto l’impiego sicuro…» C’è stato un tempo in cui Aldo faceva l’operaio alla Stipel, Giovanni l’acrobata e Giacomo l’infermiere all’ospedale di Legnano. Tutti e tre, però, avevano un sogno: recitare. Così, nei ritagli di tempo facevano i mimi acrobati alla Scala, gli animatori nei villaggi turistici o i doppiatori nei cartoni animati. Poi, i primi spettacoli di cabaret in piccoli locali del Milanese e del Varesotto, provando gli sketch nel box di un amico riscaldato da una stufetta. Giravano con la Opel vinaccia di Aldo che andava solo in seconda e capitava davvero di arrivare nel posto sbagliato il giorno sbagliato, come nella gag della Subaru a Pizzo Calabro. C’è stato anche un tempo in cui hanno pensato che forse era meglio lasciar perdere, e ritornare al vecchio, comodo posto fisso. Ma non si sono arresi.

Nel loro venticinquesimo anniversario, in questo libro per la prima volta Aldo Giovanni e Giacomo raccontano, anche con molte straordinarie immagini inedite, il backstage della loro vita: come si sono conosciuti, quando e dove hanno deciso di mettersi insieme, gli anni difficili ma al tempo stesso felici di una giovinezza in cui sono riusciti sempre e comunque a restare se stessi. Qui si narra di quando non venivano pagati in locali improbabili da gestori altrettanto improbabili («Ma lü el fa rid? Perché sel fa minga rid mi paghi no», dissero una volta a Giacomo) e di quando la ruota girò, con il successo in televisione con Mai dire gol, a teatro con I Corti e al cinema con Tre uomini e una gamba, un film in cui non credeva nessuno, girato con quattro soldi, ma destinato a sbancare al botteghino.

Mai, prima d’ora, Aldo Giovanni e Giacomo avevano raccontato il loro «privato». E il lettore si sorprenderà nel vedere, in questa specie di album di famiglia, che molti degli sketch più famosi del trio sono ispirati a fatti veri, qui ricordati con tenerezza e a volte con un po’ di nostalgia: quando Aldo si spacciava per Brambilla Fumagalli per conquistare la figlia di un lumbard, quando Giovanni fece morir dal ridere un importante uomo politico parlando in sardo, quando Giacomo entrò in un ospedale per una colica renale e si mise a litigare con i medici.

È la storia, anche, di un’amicizia. Tre amici che sono rimasti persone semplici, così tanto somiglianti a quei tre matti che vediamo sul palcoscenico.

Aldo Giovanni e Giacomo

Aldo Baglio è nato a Palermo il 28 settembre 1958 e in realtà si chiama Cataldo, perché dalle sue parti c'è una grande devozione per San Cataldo. Però chiamarlo San Cataldo Baglio sarebbe stato troppo.
Giovanni Storti è nato a Milano il 20 febbraio 1957 e quindi, dei tre, è l'unico milanese vero. Per lui, gli altri due sono dei Giargiana, come si dice di quelli che non sono di Milano-Milano.
Giacomo Poretti è nato infatti in provincia, a Villa Cortese, il 26 aprile 1956 e in realtà si chiama Giacomino. Fu il prete, al battesimo, a suggerire il diminutivo: «Questo qui non passa il metro e sessanta».



Ma per tutti sono una specie di trinità, tre persone in una: sono Aldo Giovanni e Giacomo, il trio che da venticinque anni (si misero insieme appunto nel 1991) fa morir dal ridere tutti gli italiani. Da ragazzi hanno fatto vari lavori e studiato recitazione. Oggi hanno diversi interessi. Aldo dipinge, Giovanni corre e coltiva i campi, Giacomo è l'intellettuale del gruppo e colleziona libri antichi. Ma forse la definizione più giusta l'ha data, in questo libro, Arturo Brachetti, il loro regista teatrale: «Presi singolarmente sono anche tre persone serie. Ma non appena si trovano insieme, l'età media crolla sui quattordici-quindici anni».


Libri dello stesso genere

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

Tre uomini e una vita

Aldo Giovanni e Giacomo

Tre uomini e una vita

Genere: Sport e Spettacolo
ISBN: 9788804669982
200 pagine
Prezzo: € 29,00
Formato: 18,8 x 25,0 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 8 novembre 2016

Disponibile su:

Genere: Sport e Spettacolo
ISBN: 9788852077388
200 pagine
Prezzo: € 12,99
Formato: Ebook
In vendita da: 8 novembre 2016

Disponibile su: