Libro Sospetto e silenzio Orlando Figes

Sospetto e silenzio

In Unione Sovietica furono poche le famiglie non toccate dal terrore staliniano. Secondo stime prudenti, tra il 1928, quando Stalin assunse la direzione del partito, e il 1953, quando morì, circa 25 milioni di cittadini subirono la repressione. Quei 25 milioni – giustiziati da plotoni di esecuzione, detenuti del Gulag, confinati in insediamenti speciali, membri di nazionalità deportate – rappresentavano circa un ottavo della popolazione all’inizio degli anni Quaranta: in media ci furono due vittime ogni tre famiglie. Inoltre, la vita di decine di milioni di individui (i figli e i parenti dei perseguitati) ne risultò irrimediabilmente segnata, con conseguenze morali e sociali ancor oggi evidenti. Attingendo a numerosissimi archivi privati nascosti nelle abitazioni di ogni angolo del paese e al materiale raccolto in oltre quattrocento interviste a persone “informate dei fatti”, Orlando Figes racconta in pagine intense e toccanti le storie segrete – tutte simili in quanto variazioni di un unico tema, lo stalinismo, ma ciascuna con la propria tragica cifra di orrore e sofferenza – di centinaia di famiglie russe di diversa estrazione e provenienza. E al contempo analizza, come non è mai stato fatto finora, la “soggettività sovietica”, ovvero il mondo interiore dei cittadini sotto la tirannia di Stalin, per cercare di rispondere a domande tanto semplici quanto cruciali. Che cosa pensava e sentiva la gente comune negli anni della dittatura staliniana? Che tipo di intimità era possibile negli angusti appartamenti in coabitazione delle grandi città, dove ogni parola incauta poteva risultare fatale? Che cosa significava “vita privata” in una società rigidamente regolamentata in ogni ambito dallo Stato per mezzo della legislazione e del controllo ideologico e poliziesco? Esaminando come la sfera morale della famiglia reagì ai vari attacchi sferrati dal regime per minarne le fondamenta di istituzione “borghese ” e plasmare l'”uomo nuovo”, l’autore mostra perché per la maggioranza della popolazione, compresi coloro che ne furono schiacciati, integrarsi e identificarsi nel sistema era la strategia più semplice per tacitare dubbi e timori che, se espressi, avrebbero potuto rendere impossibile l’esistenza. E perché, viceversa, alcuni riuscirono, grazie a una doppia vita fatta di compromessi e menzogne ma anche di gesti di coraggio e solidarietà, a conservare e trasmettere tradizioni e convinzioni in netto contrasto con i valori “ufficiali”; o a risolvere il drammatico conflitto interiore, che si scatenava di fronte all’improvviso arresto dei propri cari in quanto “nemici del popolo”, tra la fiducia nelle persone amate e la fede nel governo. Sospetto e silenzio non parla di Stalin, anche se la sua presenza è l’immutabile sfondo delle vicende narrate, e nemmeno in forma diretta della sua politica, ma spiega perché lo stalinismo riuscì a radicarsi nella testa e nel cuore di gran parte dei cittadini sovietici, trasformandoli in testimoni silenziosi o attivi collaboratori di un feroce potere totalitario.

Orlando Figes

Orlando Figes, professore emerito al Birkbeck College di Londra, è uno dei più importanti studiosi viventi della storia della Russia. Tra le sue opere pubblicate in Italia, ricordiamo: La tragedia di un popolo. La rivoluzione russa 1891-1924 (1997).


Altri libri dello stesso autore

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

Sospetto e silenzio

Orlando Figes

Sospetto e silenzio

ISBN: 9788804587378
656 pagine
Prezzo: € 38,00
Formato: 15,0 x 23,0 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 15 settembre 2009

Disponibile su: