Se ne ride chi abita i cieli

Se ne ride chi abita i cieli

Una gelida serata invernale, una sperduta stradina di campagna imboccata per evitare le code in autostrada, la potentissima auto superaccessoriata all’improvviso in panne, il navigatore e lo smartphone desolatamente muti e, intorno, una fitta nebbia: tutto sembra congiurare contro il rientro in città, quel venerdì sera, di un giovane manager frenetico. Alla ricerca di un telefono per chiedere aiuto, finisce per bussare al portone di un’antica e isolata abbazia.

Accolto da un rustico padre portinaio sottilmente ironico e da un sereno abate dalle perspicaci doti introspettive, il manager si scontra subito con l’essenzialità della vita monastica. A poco a poco, però, il suo spaesamento e la sua impaziente irritazione iniziale si stemperano, finendo per trasformare il pernottamento in un viaggio alla scoperta di una realtà solo in apparenza lontana da quella fuori delle mura dell’abbazia e, soprattutto, in un viaggio dentro se stesso. A fargli da guida i dialoghi con l’abate e il padre portinaio, e con i loro confratelli (il bibliotecario, lo speziere, l’ortolano), su temi universali come politica, economia e bene comune, ecologia e ambiente, verità e fake news, ruolo delle donne, apertura al mondo.

Chi dei due ha più da insegnare all’altro? È il monaco che ha bisogno del manager o il manager del monaco?

Nell’irreale silenzio che abita gli antichi spazi del chiostro il manager scoprirà un modo nuovo di essere leader. Quello della sfida del Pope Francis’ Style.

Così come l’abito non fa il monaco, infatti, il ruolo non fa il manager. Abituato a dare lezioni di management e a gestire problemi-eventi-persone, l’ospite imparerà che niente è pericoloso come l’illusione di avere potere sugli altri. Usato come sostantivo, infatti, il potere è un motivetto che si fischia da soli. Diventa una sinfonia solo se inteso come verbo: poter essere, poter fare, poter guidare, poter decidere. E per essere suonata, una sinfonia richiede sia la capacità del direttore d’orchestra di amalgamare le voci di strumenti distinti, sia l’abilità dei singoli, che dovranno dare il meglio di sé, in armonia con tutti.

In Se ne ride chi abita i cieli, don Giulio Dellavite affronta, attraverso la lente particolarissima della cultura monastica, tutti i temi cari ai manager di oggi: dal pensare in ottica relazionale alla gestione delle organizzazioni, dai modelli di leadership responsabile alle migliori strategie per vivere il cambiamento. Così facendo, attualizza insegnamenti millenari e suggerisce a chi legge che la vera grandezza sta nel non perdere mai di vista la propria dimensione interiore, spirituale. Soprattutto, la propria umanità.

Recensioni

“Giulio Dellavite affronta, attraverso la lente particolarissima della cultura monastica, tutti i temi cari e utili ai manager di oggi: dal pensare in ottica relazionale alla gestione delle organizzazioni, dai modelli di leadership responsabile alle migliori strategie per affrontare il cambiamento. ”

Aldo Cazzullo, "Corriere della Sera" 12 gennaio 2019,

“Un romanzo che permette al lettore, credente o non credente che sia, di guardare da un altro punto di vista quella sottile linea di confine tra il "potere" e il "poter fare" e di riuscire a intravedere ognuno nel proprio mondo, quel "poter essere" che è solo di chi sa che "se ne ride chi abita i cieli". ”

Flaminia Marinaro, "Il Foglio" 16 gennaio 2019,

“Se sei alla ricerca di un senso della vita, non perderti questo libro.”

Camilla Ghirardato, "Starbene" 29 gennaio 2019,

“Questo bel saggio vestito da romanzo si volge all'ateo e gli lancia la sfida più spirituale possibile: guarda dentro di te. Trova il monaco e l'abate. E prova a riderne un po'. Solo così ascenderai dalla terra ai cieli.”

Paolo Berizzi, "La Repubblica" 10 febbraio 2019,

“Con originalità e intelligenza, il volume affronta i temi caratteristici del management attraverso la cultura monastica: dalle problematiche relazionali alla gestione delle organizzazioni, dai modelli di leadership alle migliori strategie per vivere in modo positivo il cambiamento.”

Davide Gianluca Bianchi, "Avvenire" 14 febbraio 2019,

Giulio Dellavite

Giulio Dellavite (1971 - Romano di Lombardia), ha compiuto la sua formazione e gli studi teologici nel Seminario Vescovile di Bergamo, dove è stato ordinato sacerdote nel 1996. Dopo aver svolto alcuni anni di ministero parrocchiale, attualmente lavora in Santa Sede come Officiale della Congregazione per i Vescovi. Ha conseguito il dottorato in Diritto canonico a Roma presso la Pontificia Università Gregoriana nel 2006, con la tesi Munus pascendi. Leadership e tutela dei diritti dei fedeli nel procedimento di preparazione di un atto amministrativo (Treves Editore, 2011). Ha pubblicato All'angelo della Chiesa scrivi. Autorità e autorevolezza nella Chiesa (Avagliano Editore, 2007).


Altri libri dello stesso autore

Libri dello stesso genere

Parigi-Hammamet: Giancarlo Lehner racconta il romanzo inedito di Bettino Craxi

Bettino Craxi affida alla narrativa di genere il racconto della sua esperienza politica e umana Nel ventesimo anniversario della scomparsa…

Donald Trump. Un libro per capire una presidenza come nessun'altra

Un libro che racconta senza filtri la presidenza di Donald Trump La più atipica che gli Stati Uniti abbiano mai…

La Piccola Farmacia Letteraria: Elena Molini racconta il suo nuovo romanzo

La Piccola farmacia letteraria: un luogo in cui curarsi con i libri, una storia di sogni e di coraggio Inizialmente…

Il Fantastico di Libri Mondadori nel 2020: ne leggeremo delle belle

Amanti delle narrazioni fantastiche a raccolta: il 2020 sarà un anno perfetto di grandi arrivi in libreria per voi. Il…

Tre donne di Lisa Taddeo: una potente narrazione sul desiderio femminile

L'acclamato Tre donne di Lisa Taddeo in Italia a febbraio 2020 per Mondadori e presto anche serie TV Il desiderio…

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione a 1.800 bambine e bambini in…

Voce all'autore: la scrittura di Nora Venturini tra gialli, teatro e televisione

Gialli, sceneggiature, Roma e una tassista detective: entra nel mondo di Nora Venturini La scrittura di Nora Venturini si muove…

Voce all'autore: gli anni di piombo nel nuovo giallo di Piero Colaprico

Uno psichiatra ucciso, la Milano da bere, gli anni di piombo. Piero Colaprico ha scritto un nuovo giallo. Si intitola Anello di…

Oroscopo 2020: leggere le stelle con Branko e Simon & the Stars

Oroscopo 2020: leggi il nuovo anno tra le stelle Come sarà il 2020?  Si avvicina quel momento dell'anno in cui…

Voce all'autore: Dario Crapanzano racconta Il furto della Divina Commedia

Chi ha rubato la Divina Commedia? Tutto ruota attorno a un libro, nel nuovo romanzo giallo di Dario Crapanzano, ultimo…

Il ritorno all'Antica Roma di Valerio Massimo Manfredi

Avanzava nella steppa numidica una carovana scortata da venti soldati a cavallo in tenuta leggera e altrettanti legionari che avevano…

Voce all'autore: Giancarlo De Cataldo racconta Quasi per caso

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Se ne ride chi abita i cieli

Giulio Dellavite

Se ne ride chi abita i cieli

Genere: Benessere, Cucina e Self help
ISBN: 9788804708292
232 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 15 gennaio 2019

Disponibile su:

Genere: Benessere, Cucina e Self help
ISBN: 9788852091896
232 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 15 gennaio 2019

Disponibile su: