Non avere paura di cadere

Non avere paura di cadere

«Memori delle tirannie che l’avevano mortificata, nella seconda metà del Novecento abbiamo amato il carattere esaltante della libertà come liberazione da ogni catena. Ma ora che finalmente abbiamo raggiunto tale condizione, nuove ombre si allungano attorno e dentro di noi.» A cinquant’anni dalla «primavera in cui le strade e le piazze del nostro paese risuonarono del vibrante grido di libertà», quel concetto delicato e prezioso, coltivato dalla generazione dei baby boomer, è a rischio di collasso. La sempre maggiore richiesta di sicurezza, la ricerca di qualcuno o qualcosa in grado di restituire un po’ di ordine rischiano oggi più che mai di farci sacrificare la tanto agognata libertà e di indebolire le basi di solidarietà, tolleranza e fratellanza su cui la nostra società si fonda.

Avremmo bisogno, sostiene Mauro Magatti, di una libertà che sappia essere responsabile, una libertà capace di indignazione, dedizione, affezione, in grado di non rinchiudersi nella consolazione di un godimento solipsistico ma di creare nuovi legami, una libertà che sappia ricostituire luoghi e processi di produzione di senso collettivo. E poiché la libertà va allenata, individualmente e collettivamente, ecco allora cinque «movimenti» che, come una ginnastica, possono aiutarci a sbloccare ciò che si sta intorpidendo. Primo: dire no, opporsi, resistere, dissentire. Secondo: coltivare lo spirito di iniziativa. Terzo: farsi ingaggiare, senza farsi imprigionare. Quarto: lasciare andare. Quinto: far circolare la libertà.

Perché la libertà è una sfida, eccitante, complessa, quotidiana, che non riguarda mai solo l’individuo, ma ogni relazione che prende forma negli ordini sociali, culturali e politici. È un delicato equilibrio che, come acrobati su un filo sottile, possiamo raggiungere solo mettendo da parte la paura di cadere.

«Non avere paura di cadere quindi, non perché si possa riuscire a non cadere mai, ma perché la caduta è parte integrante dell’esercizio della libertà, meraviglioso e sempre imperfetto, che richiede allo stesso tempo coraggio e accortezza, solitudine e, insieme, solidarietà.»

Recensioni

“A differenza di altri saggi, Magatti non si limita ad additare il male, ha il coraggio di indicare anche possibili rimedi riassumendoli in “cinque movimenti”. Uno di questi — ed è la ragione per la quale ne parlo in una rubrica dedicata alla scuola — è proprio la circolazione, la trasmissione della cultura, giustamente posta come premessa di ogni libertà.”

Corrado Augias, la Repubblica,

“E lo ribadisce Magatti; essere liberi richiede un continuo esercizio vitale: la libertà va allenata, individualmente e collettivamente. E siccome a dire cosa non va siamo tutti capaci mentre a dire cosa fare un po' meno, l'a u t o re propone concretamente cinque strade, cinque «movimenti» per scuotersi da una impasse mortifera. Il primo è l'esercizio della dissidenza. Perché, tutti impegnati a costruire la nostra sfera privata, in realtà siamo continuamente invasi da ciò che non vorremmo: il culto dell'io si impianta su una soggettività debole e «in un ambiente mediatizzato dove il vero e il falso sono sempre meno distinguibili» mentre «nel circuito viene immessa sempre più dopamina (eccitante) e sempre meno serotonina (benessere)». Invece esistere, scrive Magatti, «è resistere, prendere distanze, restare dissidenti».”

Marco Bellizzi, Osservatore romano,

Mauro Magatti

Mauro Magatti è sociologo ed economista. È stato preside della facoltà di Sociologia presso l'Università Cattolica di Milano, dove insegna Sociologia e Analisi e istituzioni del capitalismo contemporaneo. Editorialista del «Corriere della Sera» e di «Avvenire», ha pubblicato numerose monografie e saggi su riviste italiane e straniere.


Intervista all'autore

«L’Ulisse contemporaneo – commenta Magatti – è affascinato e attratto dal gusto per la scoperta, la sperimentazione, la trasgressione. Solo aprendosi a nuove esperienze è infatti possibile dare forma al proprio potenziale, sfuggendo all’insignificanza a cui la vita sembra destinata. Siamo liberi di scegliere, di muoverci, di fare. Nel rispetto, però, di una clausola fondamentale: dobbiamo performare, essere sempre all’altezza».

(Mauro Magatti su L’Eco di Bergamo)

Libri dello stesso genere

Donald Trump. Un libro per capire una presidenza come nessun'altra

Un libro che racconta senza filtri la presidenza di Donald Trump La più atipica che gli Stati Uniti abbiano mai…

La Piccola Farmacia Letteraria: Elena Molini racconta il suo nuovo romanzo

La Piccola farmacia letteraria: un luogo in cui curarsi con i libri, una storia di sogni e di coraggio Inizialmente…

Il Fantastico di Libri Mondadori nel 2020: ne leggeremo delle belle

Amanti delle narrazioni fantastiche a raccolta: il 2020 sarà un anno perfetto di grandi arrivi in libreria per voi. Il…

Tre donne di Lisa Taddeo: una potente narrazione sul desiderio femminile

L'acclamato Tre donne di Lisa Taddeo in Italia a febbraio 2020 per Mondadori e presto anche serie TV Il desiderio…

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione a 1.800 bambine e bambini in…

Voce all'autore: la scrittura di Nora Venturini tra gialli, teatro e televisione

Gialli, sceneggiature, Roma e una tassista detective: entra nel mondo di Nora Venturini La scrittura di Nora Venturini si muove…

Voce all'autore: gli anni di piombo nel nuovo giallo di Piero Colaprico

Uno psichiatra ucciso, la Milano da bere, gli anni di piombo. Piero Colaprico ha scritto un nuovo giallo. Si intitola Anello di…

Oroscopo 2020: leggere le stelle con Branko e Simon & the Stars

Oroscopo 2020: leggi il nuovo anno tra le stelle Come sarà il 2020?  Si avvicina quel momento dell'anno in cui…

Voce all'autore: Dario Crapanzano racconta Il furto della Divina Commedia

Chi ha rubato la Divina Commedia? Tutto ruota attorno a un libro, nel nuovo romanzo giallo di Dario Crapanzano, ultimo…

Il ritorno all'Antica Roma di Valerio Massimo Manfredi

Avanzava nella steppa numidica una carovana scortata da venti soldati a cavallo in tenuta leggera e altrettanti legionari che avevano…

Voce all'autore: Giancarlo De Cataldo racconta Quasi per caso

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Perché un romanzo Per sole donne? Ce lo racconta Veronica Pivetti

Astenersi puritani e persone sensibili. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Ah, astenersi anche perditempo, of course! Quello di Veronica…

Non avere paura di cadere

Mauro Magatti

Non avere paura di cadere

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788804717362
152 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 5 novembre 2019

Disponibile su:

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788852098024
152 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 29 ottobre 2019

Disponibile su: