Né re né Dio, semplicemente il migliore

Né re né Dio, semplicemente il migliore

Il 29 giugno 1986 il capitano dell’Argentina, Diego Armando Maradona, idolo indiscusso degli amanti del calcio, si consacrava come il miglior giocatore della sua epoca alzando al cielo di Città del Messico la Coppa del Mondo. Ventott’anni dopo tocca a un altro numero 10, Lionel Andrés Messi, detto «la Pulce», ripeterne le gesta. L’appuntamento della vita è il Mondiale di Brasile 2014. È qui che ha l’occasione di scrivere la storia conquistando finalmente, lui che è già un’icona mondiale, i cuori dei tifosi argentini e superando il «re del calcio», Pelé, e il divino Maradona, per diventare il miglior calciatore di sempre. A soli ventisette anni, Messi ha già un palmarès da far invidia ai più grandi. Unico a essere premiato per quattro stagioni consecutive con il Pallone d’Oro, con la sua squadra di club, il Barcellona, si è aggiudicato 3 Champions League, 2 Coppe del Mondo per Club, 2 Supercoppe europee, 6 campionati spagnoli, 6 Supercoppe di Spagna, 2 Coppe del Re. Il tutto infarcito di record, premi e riconoscimenti individuali. Ma il Messi di cui ci parlano i giornalisti Sebastián Fest e Alexandre Juillard non è solo quello che sul rettangolo verde fa impazzire gli avversari con accelerazioni irresistibili e finte ubriacanti, e che non dà scampo ai portieri con la precisione chirurgica del suo sinistro. È anche il Lionel dell’infanzia povera a Rosario, dell’adorata nonna materna Celia, alla quale dedica ogni gol alzando gli indici al cielo, e quello della lotta contro un deficit ormonale che ne limitava la crescita. Il Lionel tredicenne che insieme a tutta la famiglia si trasferisce a Barcellona per inseguire il sogno di diventare calciatore professionista e il timido e taciturno adolescente sui campi di La Masia, il centro giovanile del club catalano. E poi gli esordi, le vittorie (tante) e le cadute (poche), i rapporti con i compagni, gli allenatori, la rivalità con Cristiano Ronaldo, gli inevitabili paragoni con Maradona, le polemiche sulla gestione del suo patrimonio e della sua immagine, l’amore per la moglie Antonella e per il figlio Thiago. Una vita perfetta, cui manca solo un tassello per diventare leggenda. È per questo che, dopo il 13 luglio 2014, data della finale al Maracanã di Rio de Janeiro, per lui niente sarà più come prima.

Alexandre Juillard

Alexandre Juillard è un giornalista specializzato in grandi reportage e documentari. Collaboratore di «L'Équipe», «L'Équipe Magazine», «France Football», ha lavorato con le reti radiofoniche Europe 1, RFI e RSR, per la quale è stato corrispondente da Buenos Aires. È autore di una biografia di Maradona (Parigi, 2010).

Sebastián Fest

Sebastián Fest, capo della sezione sportiva dell¿agenzia di stampa spagnola DPA, dal 1996 ha seguito tutte le edizioni dei Mondiali di calcio e delle Olimpiadi. Collaboratore di diverse testate, fra cui «La Nación», «Rolling Stone», «Newsweek» e «Brando», è autore di Enredados (Buenos Aires, 2009), un libro sul tennis argentino


Libri dello stesso genere

'Nocturna' di Maya Motayne

Nocturna, il mondo magico creato da Maya Motayne Prendi un'orfana mutafaccia, capace di cambiare aspetto, costretta a piegarsi ai voleri…

Festivaletteratura 2019: gli autori Libri Mondadori a Mantova

Sì, si avvicina di nuovo quel momento dell'anno.  Settembre, Mantova invasa di libri e di parole, la poesia delle strade…

Vasco Rossi: 'Non Stop - le mie emozioni dal Modena Park a qui'

Un racconto in presa diretta del tour di Vasco Rossi più emozionante di sempreMaggio 2019. Nella pioggia battente Vasco Rossi sta…

'I ragazzi della Nickel': il nuovo atteso romanzo di Colson Whitehead

A settembre in libreria il nuovo romanzo di Colson Whitehead, il "narratore d'America" Dopo La ferrovia sotterranea, il romanzo che…

'Me' di Elton John: in arrivo la prima autobiografia ufficiale

Me di Elton John: il 15 ottobre in contemporanea mondiale e in Italia per Mondadori A pochi mesi dall'uscita di…

Un viaggio anti Brexit: Follett, Moyes, Child e Mosse per il Friendship Tour

Friendship Tour: l'Europa della Brexit è ancora unita dalle radici e dalla cultura Dire no alla Brexit, dimostrarsi vicini, figli…

GrishaVerse di Leigh Bardugo in Italia da settembre 2019

Lo attendevamo da tempo e finalmente sta per arrivare: da settembre il GrishaVerse di Leigh Bardugo sarà disponibile anche per i fan italiani!…

Aspettando il Premio Strega: Benedetta Cibrario incontra i lettori

Il rumore del mondo di Benedetta Cibrario è un bellissimo romanzo storico ambientato nel Risorgimento ed è uno dei 5 libri…

Gli autori Mondadori al Wired Next Fest 2019

Dal 24 al 26 maggio a Milano si parla di futuro: arriva il Wired Next Fest, il più importante festival italiano dedicato alla…

Thomas Harris è tornato

A tredici anni di distanza dal suo ultimo libro torna sugli scaffali Thomas Harris! Sì, proprio lui: l'autore che ci ha…

Gli autori Mondadori al Salone Internazionale del Libro di Torino

Dal 9 al 13 maggio va in scena la 32° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Prepariamoci a un…

The Perfect Date: dal libro al film Netflix

The Perfect Date non è solo un film originale Netflix in onda dal 12 aprile, ma anche un libro. Prodotta da Awesomeness…

Né re né Dio, semplicemente il migliore

Alexandre Juillard, Sebastián Fest

Né re né Dio, semplicemente il migliore

Genere: Biografie e Memoir
ISBN: 9788804645924
248 pagine
Prezzo: € 15,90
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 24 giugno 2014

Disponibile su:

Genere: Biografie e Memoir
ISBN: 9788852052484
248 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 1 luglio 2014

Disponibile su: