Me tapiro

Me tapiro

Antonio Ricci ha scoperto di essere un comico a tre anni, grazie a una caramella andata di traverso e al drastico sistema per fargliela sputare, in una “scena primaria” di assoluta e involontaria comicità. Se fosse morto soffocato non avremmo “Striscia la notizia”, “Drive in”, “Paperissima”, le veline e le velone, il Gabibbo e il tapiro. Ci saremmo persi più di trent’anni di risate, un imprinting di ironia e buonumore che ha accompagnato con leggerezza la vita di tutti noi.

Il libro racconta gli anni della formazione (la scuola dalle suore, le bacchettate sulle dita, le prime ribellioni all’autorità costituita), poi gli anni dell’impegno (a divertirsi e a divertire), le beffe, gli scherzi atroci, la scoperta di compagni di risata come Beppe Grillo e Fabrizio de André, in un perenne cabaret che, nel caso di Ricci, alla fine diventa un mestiere.

Racconta anche il mondo dorato della televisione, spifferandone ghiotti retroscena e bersagliando i suoi protagonisti con una ferocia satirica proporzionale alla loro popolarità. Come un Giamburrasca munito di cerbottana o di fionda, Ricci spara proiettili a destra e a sinistra, soprattutto alla sedicente sinistra, smascherando conformismi e ipocrisie. “Striscia la notizia”, la sua creatura più sorprendente, record assoluto di longevità e di ascolti, è un programma di satira, e la satira non è corretta, non è compiacente, attacca anche gli amici e non ha paura dei nemici.

Una vita non proprio di tutto riposo, ma che Ricci vive con imperturbabile serenità. Forse anche grazie al suo essere un caso clinico di bipolarismo: le sue trasmissioni sono le più viste, ma lui è l’uomo più schivo della tv, è un impavido collezionista di cause (tutte vinte) ma anche di piante rare, che cura con passione maniacale. Forse è questo che da più di trent’anni gli permette di sopravvivere nella sua personale trincea. La satira è il mestiere che si è scelto, ma leggendo questo libro si capisce anche che era il suo destino.

Ma Me Tapiro non è tanto (o non solo) un’autobiografia. Nella seconda parte, ispirata dalle domande del giornalista Luigi Galella, diventa un piccolo trattato sulla tv, su chi la fa e su chi la guarda, una lezione magistrale sulla nostra società dell’apparire.

Antonio Ricci

Antonio Ricci (Albenga, 1950), laureato in Lettere e specializzato in Storia dell'arte con una tesi sulla tutela dei Beni culturali, ha fatto l'insegnante, il preside, il cantante, il musicista e il cabarettista prima di diventare il creatore di trasmissioni di successo come le prime tre edizioni di "Fantastico", "Te la do io l'America", "Te lo do io il Brasile", "Drive in", "Lupo solitario", "Striscia la notizia", "Paperissima". Prima di questo libro ha pubblicato Striscia la tivù (Einaudi, 1998).

Luigi Galella

Luigi Galella è nato a Maiori e vive a Roma, dove frequenta un dottorato in Filosofia e lavora a una tesi sul riso e il comico nella società contemporanea. Si è lungamente occupato di critica televisiva sul "Fatto Quotidiano". Per anni sulle pagine dell'"Unità" ha curato la rubrica di racconti Lotte di classe, ispirata al mondo della scuola, dove insegna.


Libri dello stesso genere

Liane Moriarty e un barbecue colpevole

«Questa storia inizia con un barbecue» Il nuovo romanzo di Liane Moriarty comincia con un barbecue, una normale serata tra amici.…

Valentina Cortese: un docufilm sulla sua vita da "diva"

DIVA! Dopo aver partecipato alla 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nella Selezione Ufficiale Fuori Concorso con plauso di…

I nostri autori al Salone del Libro di Torino

10-14 maggio 2018 La 31° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino si terrà da giovedì 10 a lunedì 14…

Atlas Obscura: oltre 600 meraviglie nascoste nel mondo

Guida alle meraviglie nascoste del mondo Se non avete ancora deciso dove andare in vacanza, o state cercando una meta…

Casanova: il romanzo di Strukul e il museo interattivo

Giacomo Casanova: seduttore, gentiluomo e spia Presunto ritratto di Giacomo Casanova, attribuito a F. Narici, e in passato ad A.R. Mengs o al…

"Charley Thompson": un film di Andrew Haigh

Dal 5 aprile al cinema il film tratto dal libro di Willy Vlautin Dopo lo straordinario successo di Weekend e…

15-18 marzo: i nostri autori a Libri Come

Libri Come 2018 Ogni marzo, da nove anni, Roma diventa protagonista dei libri e della lettura, una festa culturale che…

Dawkins: i racconti di un uomo che ha perso la libertà

“Questo ero io”, una scoperta inaspettata Curtis Dawkins è un uomo che sta scontando l’ergastolo per omicidio in una prigione…

L’autrice Premio Pulitzer Jennifer Egan in Italia

Tre giorni con Jennifer Egan Dal 18 al 20 marzo 2018 Jennifer Egan, Premio Pulitzer 2011 per Il tempo è un…

8-12 marzo: i nostri autori a "Tempo di Libri"

Dall'8 al 12 marzo va in scena  Tempo di Libri, la Fiera Internazionale dell'Editoria che quest'anno si terrà presso FieraMilanoCity. (Clicca qui…

The Infiltrator: la vera storia di Robert Mazur

Un uomo solo contro i signori della droga La storia di The Infiltrator è la storia di Robert Mazur, agente…

Il nuovo racconto teatrale di Alessandro D'Avenia

Il racconto teatrale tratto da "Ogni storia è una storia d'amore" Dopo il successo di Ogni storia è una storia…

Me tapiro

Antonio Ricci, Luigi Galella

Me tapiro

Genere: Biografie e Memoir
ISBN: 9788804679554
252 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 31 ottobre 2017

Disponibile su:

Genere: Biografie e Memoir
ISBN: 9788852083662
252 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 31 ottobre 2017

Disponibile su: