Ma questa è la mia gente

Ma questa è la mia gente

“Che cosa significa oggi essere comunisti?” si chiedeva nel 1989, anno della caduta del Muro di Berlino, Nanni Moretti in Palombella rossa. Dopo il tramonto delle ideologie e la nascita del Pd, la forza politica in cui sono confluite le due anime del riformismo italiano, quella socialdemocratica e quella democraticocristiana, per il centrosinistra all’affannosa e sofferta ricerca di un’identità è venuto il momento di aggiornare e rilanciare quella vecchia domanda: “Che cosa significa oggi essere democratici?”.
Ad assumersi il compito di formularla con la stessa chiarezza e lo stesso coraggio è oggi Ivan Scalfarotto, vicepresidente del Pd, che ha girato questo e molti altri interrogativi sui temi all’ordine del giorno del dibattito pubblico (l’articolo 18 e la travagliatissima riforma del lavoro, il ruolo dei giovani e il ricambio delle classi dirigenti nelle istituzioni e nei partiti, Pd compreso) a 17 esponenti del suo partito, da lui intervistati in questi mesi cruciali per il futuro della società italiana e dell’intera Europa.
Ad amici e colleghi – dagli eredi delle grandi tradizioni politiche del Novecento come Massimo D’Alema, Pierluigi Bersani, Walter Veltroni e Rosy Bindi, ai “giovani” emergenti come Pippo Civati, Debora Serracchiani e Stefano Fassina, ad amministratori locali come Michele Emiliano, Renato Soru e Stefano Boeri – Scalfarotto non risparmia i quesiti spiazzanti e intenzionalmente provocatori, come quelli sulle unioni civili, sui diritti degli omosessuali e sui temi etici, che mettono il dito nella piaga di contraddizioni e contrapposizioni interne talvolta laceranti. E poi, a tutti, la domanda delle domande: perché il Partito democratico è spesso visto dagli elettori e dai media come una formazione politica sostanzialmente conservatrice, che si batte testardamente per il mantenimento dello status quo in campo economico e sociale, anziché essere considerato quella grande forza progressista, promotrice di riforma e cambiamento, che si propone di incarnare? Da queste conversazioni emerge il ritratto di un Pd molto variegato, con diverse anime, da quella ex comunista a quella liberal, da quella laica a quella di ispirazione cattolica. Una frammentarietà di visioni e posizioni che – sostiene l’autore – può rivelarsi la sua più grave debolezza, se si elideranno a vicenda in una perversa dialettica del compromesso a ogni costo, in un’inerzia dettata dalla volontà di non scontentare nessuno. O, viceversa, la sua più grande forza, se tali anime riusciranno a fondersi in una sintesi costruttiva, capace di imprimere al partito “uno shock di innovazione, un momento di fortissima, visibile e tangibile discontinuità”.

Ivan Scalfarotto

Ivan Scalfarotto lavora come consulente strategico nel settore delle risorse umane per aziende italiane e internazionali. È fondatore e direttore generale di Parks - Liberi e Uguali (www.parksdiversity.eu), associazione tra imprese per la valorizzazione delle differenze legate all'orientamento sessuale e all'identità di genere nei luoghi di lavoro. Dal novembre 2009 è vicepresidente dell'Assemblea nazionale del Partito democratico. Tra i suoi libri ricordiamo Contro i perpetui (il Saggiatore, 2006) e In nessun paese (Piemme, 2010). Vive a Milano con Federico, il suo compagno, e due gatti.


Quasi per caso: Giancarlo De Cataldo racconta il suo nuovo giallo storico

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Perché un romanzo Per sole donne? Ce lo racconta Veronica Pivetti

Astenersi puritani e persone sensibili. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Ah, astenersi anche perditempo, of course! Quello di Veronica…

'Per te' di Francesco Sole: una storia d'amore, eros e poesia

Il nuovo romanzo poetico di Francesco Sole Il nuovo libro di Francesco Sole, Per te, si apre con le parole…

I nostri autori a Lucca Comics & Games 2019

Lucca Comics & Games 2019: dal 30 ottobre al 3 novembre l'evento più atteso dagli amanti del fantastico Si avvicina QUEL momento dell'anno,…

Dal libro al film: 'Il mistero Henri Pick' arriva al cinema

Sul fatto che Il mistero Henri Pick fosse un libro dall’alto potenziale narrativo (non solo letterario) non avevamo dubbi. Ma…

'Una gran voglia di vivere': il nuovo romanzo di Fabio Volo

Il viaggio dentro una crisi Nella vita di una coppia che si credeva capace di mantenere le promesse, un giorno arrivano i dubbi.…

Tra le nebbie di un giallo padano: 'Gli invisibili' di Valerio Varesi

Ci sono persone che cercano la clandestinità e altre che la ottengono senza intenzione. Col silenzio, la solitudine e la…

Distopia e sinistri misteri: Robert Harris torna con un nuovo romanzo

Anno 1468. 
 Un viaggiatore solitario avanza con espressione preoccupata attraverso una landa selvaggia dell'Inghilterra sudoccidentale. Tutto è immobile, attorno neanche un'anima viva.…

Comix Games Classi 2020: la sfida è "Rima la trama"

Comix Games Classi 2020: rima la trama! La lettura, un po' come diceva Christopher McCandless nel film Into the wild, a volte è (più)…

Guinness World Records 2020: in Italia dal 17 settembre

Guinness World Record: una nuova edizione che celebra un decennio di imprese eccezionaliIl 17 settembre è la data da record che…

I nostri autori al Festival della Comunicazione di Camogli

Festival della Comunicazione 2019 Da giovedì 12 a domenica 15 settembre si tiene nella bellissima cornice di Camogli, in Liguria, la VI edizione…

Minecraft, Fortnite e Guiness World Records: i nostri consigli di libri da giocare

Mondi paralleli, record del mondo, esercizi di creatività I libri sono di per sé uno dei migliori modi di trascorrere il tempo, ma…

Ma questa è la mia gente

Ivan Scalfarotto

Ma questa è la mia gente

ISBN: 9788804622505
336 pagine
Prezzo: € 17,50
Formato: 15,0 x 21,0 - Brossura con alette
In vendita da: 4 settembre 2012

Disponibile su: