L’intestino in testa

L’intestino in testa

Sempre più spesso, sugli scaffali dei supermercati come nei menu di ristoranti e pizzerie compaiono prodotti e piatti dei quali si specifica che sono senza glutine; e termini come «celiachia», «sensibilità», «intolleranza» sono ormai entrati nelle conversazioni quotidiane, insieme a consigli fai-da-te sull’alimentazione più adatta a eliminare certi disturbi fastidiosi. Eppure, secondo studi recenti, diversi milioni di persone nel mondo consumano prodotti privi di glutine senza che sia realmente necessario. È vero che la celiachia è in costante aumento a causa di uno stile alimentare errato, dovuto anche alla diffusione di cibi di scarsa qualità, ma per formulare una diagnosi corretta è assolutamente fondamentale affidarsi a uno specialista ed evitare autodiagnosi, anche quando l’eliminazione del glutine sembrerebbe apportare un miglioramento dei sintomi.

L’intestino, infatti, è un «sistema» molto più complicato di quanto si sia portati a credere. In genere lo si considera un organo marginale, che serve da transito per il cibo introdotto con l’alimentazione e del quale ci si accorge solo quando qualcosa non va, perché è «pigro» o «irritabile» oppure contrae qualche virus che, al pari dell’influenza, costringe a mettersi a letto. Come invece spiega il professor Antonio Moschetta, già autore di Il tuo metabolismo, la sua struttura, le sue caratteristiche e le sue funzioni lo rendono paragonabile a un vero e proprio «secondo cervello», ricco di neuroni che inviano e ricevono segnali in una fitta e complessa rete di comunicazione con quelli cerebrali. Ed è per questo che la sua attività ha effetti non solo sulle funzioni digestive, ma persino sulle emozioni e sul comportamento degli individui. L’intestino, inoltre, nelle opportune condizioni fisico-chimiche non smette mai di rigenerarsi: favorire questa sua capacità con una corretta alimentazione e un adeguato stile di vita è la prima strategia da adottare per prevenire innumerevoli patologie, anche gravi.

A questo scopo, dunque, L’intestino in testa fornisce non solo un’approfondita analisi dei motivi per cui il nostro intestino si può ammalare, arricchita dai risultati delle più recenti ricerche cliniche, ma anche preziose indicazioni sul modo in cui, giorno dopo giorno, ciascuno di noi può cambiare le proprie abitudini e contribuire a mantenere efficiente un organo così importante per il proprio benessere generale.

Recensioni

“Antonio Moschettaa propone una rassegna sistematica del ruolo e delle funzioni dell'intestino. E così fra microbioma e microbiota, intolleranza al glutine, intolleranze e irritabilità, si arriva alla fine delle poco più di cento pagine con un'idea completa di quanto questo tratto del canale alimentare influenzi davvero la nostra vita, comprendendo meglio anche il senso di mlte indicazioni alimentari.”

L. Pip. "Corriere della Sera" 17 marzo 2019,

Antonio Moschetta

Antonio Moschetta è medico, professore ordinario di Medicina interna all'Università Aldo Moro di Bari. Dottore di ricerca in epatologia presso l'Università di Utrecht, in Olanda, negli anni 1998-2011, è stato allievo del premio Nobel Al Gilman presso l'Howard Hughes Medical Institute di Dallas, Texas, dal 2012 al 2015. È titolare del progetto di ricerca AIRC su metabolismo dei tumori e regolazione genica. Autore di numerose pubblicazioni, ha ricevuto riconoscimenti internazionali come il Richard Weitzman Award a Chicago, il Rising Star in epatologia a Vienna, il David Williams Award a Vail (Colorado) e l'European Lipid Award a Göteborg.


Altri libri dello stesso autore

Libri dello stesso genere

Primavera: i libri per il tuo benessere

7 libri per stare meglio Salute, medicina alternativa, diete, omeopatia, esercizio fisico, uno stile di vita sano sono legati, oggi,…

L’intestino in testa

Antonio Moschetta

L’intestino in testa

Genere: Benessere, Cucina e Self help
ISBN: 9788804711049
144 pagine
Prezzo: € 17,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 2 aprile 2019

Disponibile su: