Le vite potenziali

Le vite potenziali

Al centro di questo romanzo ci sono tre vite, tre visioni del mondo, tre modi diversi e complementari di sopravvivere alla contemporaneità. Il loro spazio è la Albecom, azienda informatica che sorge alla periferia di Marghera; l’ha fondata, ancora giovanissimo, Alberto, “trentaquattro anni, apprezzata abilità nell’assemblare mobili Ikea, una passione per la buona tavola e il culto della chiarezza”. Tra i programmatori che lavorano per lui c’è Luciano, con cui Alberto condivide l’amore per internet fin dai tempi del liceo. Ma, a differenza dell’amico, Luciano si trova a suo agio dietro le quinte: schivo e paralizzato dalla propria scarsa avvenenza, si rifugia nel lavoro e nel rifocillamento dei gatti randagi di Marghera, tormentato solo, di tanto in tanto, dal desiderio di avere qualcuno da rendere felice. A completare il triangolo c’è Giorgio, il pre-sales dell’azienda, procacciatore di nuovi clienti: “percorso da un brivido di elettricità sempre”, tiene nel cruscotto della macchina L’arte della guerra di Sun Tzu, che consulta come un oracolo.

E così, mentre Luciano allaccia con Matilde, barista della tavola calda di fronte alla Albecom, un’amicizia presto caricata di nuove speranze e Giorgio riceve una proposta sottobanco da un vecchio collega, le giornate dei tre amici si intrecciano in un groviglio di segreti e tradimenti che si dipana tra la provincia veneta e le città di mezza Europa e che li costringerà, infine, a compiere scelte sofferte e decisive.

Francesco Targhetta, già protagonista di un piccolo caso letterario con il romanzo in versi Perciò veniamo bene nelle fotografie, si cimenta ora nell’impresa ambiziosissima di ritrarre il nostro presente in continuo divenire, attraverso lo sguardo di un gruppo di trentacinquenni che – con un piede intrappolato nel mondo del web e uno ben piantato nei sobborghi in cemento di quello reale – cercano timidamente di costruirsi un futuro. Per mezzo di una prosa esatta e al tempo stesso intima, crepuscolare, questo romanzo si interroga su cosa stiano diventando le nostre vite, deviate e attratte ogni giorno da mille potenzialità, e su cosa potremmo diventare noi, chiamati insieme al dovere di essere felici e a quello di accelerare sempre di più la velocità del mondo.

Recensioni

“Che vite avrebbero fatto un Mark Zuckerberg e i suoi colleghi in ombra se fossero nati nella provincia italiana? Francesco Targhetta, poeta del superpresente nato nel 1980 a Treviso, nel suo nuovo romanzo ha la capacità incantata di mettere insieme l'etica imprenditorial-familiare dell'operoso Nordest e il dovere globale di sognare Silicon Valley.”

Laura Piccinini, "D" - "La Repubblica" 31 marzo 2018,

“Con "Le vite potenziali" Francesco Targhetta unisce lo sguardo del poeta alla fluidità del narratore, con cui racconta una quotidianità dolente di lavoro e ritualità nella provincia profonda.”

Veronica Raimo, "Rolling Stone" aprile 2018,

“C'è qualcosa di struggente nella desolazione di capannoni e alberi mutilati, sagome di archeologia industriale, bar all'incrocio che si chiamano Incrocio, paesi che si chiamano Paese, laghi che si chiamano Lago e rotonde nella nebbia dove la presenza umana sembra quasi disturbare. E' l'atmosfera pervasiva di "Le vite potenziali", primo romanzo in prosa di Francesco Targhetta, uno degli scrittori italiani più incisivi nel raccontare il nostro presente.”

Cristina Taglietti, "La Lettura" 8 aprile 2018,

“Il fascino di questo romanzo non sta tanto nel plot generale, quanto nei percorsi esistenziali dei singoli personaggi, tratteggiati da Targhetta con profondità di sguardo. ”

Raoul Bruni, "Il manifesto" 15 aprile 2018,

“Targhetta dipinge per sottrazione, lavorando sul linguaggio in modo elegante, soffermandosi sulle parole e sul loro peso, facendo i conti con gli archetipi di sempre: amicizia, amore, tradimento, declinati ai tempi della new economy.”

Sara D'Ascenzo, "Corriere di Verona" 19 aprile 2018,

“Il romanzo di Targhetta aiuta a capire l'oggi meglio di tante inchieste e ci fa certi di uno scrittore "potenziale" e di prim'ordine.”

Goffredo Fofi, "Internazionale" 4 maggio 2018,

“La percezione dello iato tra volontà e realizzazione, tra identità propria e mondo di fuori, lo sfiorare dello schermo trasparente che sembra separaci dalla realtà della nostra vita, questi sono i veri valori aggiunti del romanzo. Spezie, mi si consentirà, perfettamente liriche.”

Fabio Donalisio, "Blow up" giugno 2018,

“Il ritratto di un piccolo mondo al tempo stesso frenetico e disilluso, arrivista e malinconico, benestante ma senza progetti, sul quale converrà ancora riflettere per non arrendersi al suo tran tran. ”

Cesare De Michelis, "Corriere del Veneto" 10 giugno 2018,

“Per raccontare questo spaccato variopinto e disgregato, targhetta usa il lessico delle skill di LinkedIn - fatto di "call", "job interview" e "debug" - cui associa volutamente in un contrasto dissonante la desolazione della provincia.”

Francesco Musolino, "Il Foglio" 13 giugno 2018,

Francesco Targhetta

Francesco Targhetta (Treviso, 1980) insegna lettere alle scuole superiori. Ha pubblicato un libro di poesie (Fiaschi, ExCogita, 2009) e un romanzo in versi (Perciò veniamo bene nelle fotografie, Isbn, 2012). Nel 2014 ha vinto il premio Delfini e il premio Ciampi (da cui la plaquette Le cose sono due, Valigie Rosse, 2014). Questo è il suo esordio in prosa.


Intervista all'autore

Vincitore del Premio Berto 2018, la XXVI edizione del riconoscimento letterario per scrittori esordienti 

«Un romanzo generazionale, espressione di una contemporaneità problematica, indagine sulle tante lacerazioni di una felicità inseguita e mai definitivamente raggiunta»
La giuria del Premio Berto: Antonio D’Orrico, Cristina Benussi, Giuseppe Lupo, Laura Pariani e Stefano Salis.

Libri dello stesso genere

Premio Campiello: "Le vite potenziali" di Targhetta

Premio Campiello Sabato 15 settembre alle 20,45 in diretta televisiva su Rai 5 da Venezia, si terrà la 56° edizione del…

"Il Gioco" di D'Amicis nella finale del Premio Strega

Premio Strega 2018 La sera del 5 luglio a Roma presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia sarà trasmessa in diretta televisiva…

Le vite potenziali

Francesco Targhetta

Le vite potenziali

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804687429
252 pagine
Prezzo: € 19,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 27 marzo 2018

Disponibile su:

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788852086175
252 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 27 marzo 2018

Disponibile su: