Le fondamenta della città

Le fondamenta della città

Perché la ‘ndrangheta è arrivata in Lombardia? Come
si è organizzata? Quali sono i settori in cui opera?
Come è potuto succedere che la criminalità calabrese
abbia avuto così tanto successo al Nord? È solo una
questione di contagio sociale o sono stati i lombardi
ad aprirle le porte?

Giuseppe Gennari, magistrato tra i maggiori esperti di
criminalità organizzata, risponde a queste domande
svelandoci una realtà solo parzialmente conosciuta
attraverso le pagine di cronaca nera dei giornali, ma
che invece ormai permea ampi settori dell’economia
– si pensi al monopolio del movimento terra e al recupero
crediti, all’acquisizione di importanti imprese
impegnate nella realizzazione di opere pubbliche e al
controllo dei venditori ambulanti di panini – e coinvolge
un lunghissimo elenco di insospettabile gente
“comune” (commercialisti, bancari, medici, impiegati,
avvocati, carabinieri, poliziotti). Perché oggi sempre
più spesso “la ‘ndrangheta veste in giacca e cravatta
e si nasconde dietro il volto di uomini d’affari apparentemente
irreprensibili”, non commettendo specifici
reati ma moltiplicando le capacità di guadagno
grazie ad aziende che si sono lasciate sedurre dalla
prospettiva di facili introiti, all’omertà di tanti imprenditori
compiacenti e delle impaurite vittime di usura e,
come emerso di recente, agli stretti rapporti con alcuni
politici che cercano o accettano voti dalle famiglie
mafiose concedendo in cambio favori.

Per ricostruire la storia della penetrazione e il profilo
della mafia calabrese al Nord, Gennari prende
spunto da alcuni casi che ha seguito personalmente,
dall’operazione “Parco Sud” a quelle “Tenacia” e
“Caposaldo” – che si sono concluse con centinaia di
arresti e hanno reso evidente la capillarità dell’infiltrazione
mafiosa – alla vicenda di Lea Garofalo, la figlia
di un boss diventata collaboratrice di giustizia e
barbaramente assassinata nel 2009. E, tra interrogatori,
pedinamenti e sentenze, ci spiega i meccanismi
giudiziari all’interno dei quali i magistrati si trovano a
operare, permettendoci di capire perché troppo spesso
assistiamo ad assoluzioni apparentemente incomprensibili
e perché i politici si salvano quasi sempre.

Le fondamenta della città è un monito a guardare sotto
una nuova luce la realtà della criminalità organizzata,
perché – ci dice Gennari – solo con un’assunzione
di responsabilità collettiva potremo estirpare un
male che rischia di minare la nostra società: sarebbe
un errore pensare che la soluzione di questo problema
possa essere delegata a giudici, pubblici ministeri
e poliziotti. Un’efficace azione repressiva è, sì, fondamentale,
ma non sufficiente, perché “oggi siamo in
fondo al precipizio. Sino a quando non vincerà l’idea
che il rispetto della legalità, il bene della collettività, la
protezione delle generazioni future valgono più degli
interessi personali nulla potrà veramente cambiare”.

Giuseppe Gennari

Giuseppe Gennari è magistrato a Milano dal 1999. Per anni si è occupato di criminalità economica, partecipando, come giudice, al primo processo italiano per il crack Parmalat. Dal 2006 lavora presso l¿ufficio Gip, dove ha seguito diverse indagini di rilevanza nazionale, tra cui quella relativa all¿attività di spionaggio della security Telecom - Pirelli. Negli ultimi anni ha svolto le funzioni di giudice per le indagini preliminari nelle principali inchieste di ¿ndrangheta condotte a Milano.


Libri dello stesso genere

Ricevi l'esclusivo albero genealogico della famiglia Targaryen

#aspettandofuocoesangue Dal 20 novembre in libreria il nuovo libro di George R.R. Martin che racconta la storia della dinastia Targaryen,…

Macchine mortali: dal romanzo al film evento

Articolo tratto da Mondadori Store Magazine di Novembre 2018. Scarica qui il pdf del Magazine

De Angelis: "Il vizio della speranza"

Dal 22 novembre al cinema Dopo aver vinto nel 2017 numerosi premi con il film Indivisibili, Edoardo De Angelis torna al…

Mondadori Store lancia "C'è vita in un libro. La tua"

La nuova campagna per la promozione del libro e della lettura “C’è vita, in un libro. La tua”Questo il claim…

I nostri autori a Bookcity Milano 2018

Dal 15 al 18 novembre Bookcity Milano è una manifestazione di tre giorni (più uno dedicato alle scuole), durante i quali…

La Divina Commedia: un libro per tutti

La Divina Commedia come non l'avete mai vista Chi non ha mai pensato che il capolavoro di Dante, la Divina Commedia,…

Tutti gli eventi Mondadori a Lucca Comics & Games 2018

Lucca Comics & Games 2018 Da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre si svolgerà nella città toscana il Lucca…

Michele Bravi: il tour del libro "Nella vita degli altri"

Il primo romanzo di Michele Bravi   Quanto c’è di noi nella vita di chi ci sta attorno? Quanto c’è…

I Medici: Lorenzo il Magnifico, il romanzo della serie tv

I Medici: la seconda stagione su Rai 1 Parte su Rai 1 il 23 ottobre la seconda stagione della serie tv…

Kekko Silvestre: il tour del libro "Cash"

Il primo romanzo di Kekko dei Modà Kekko Silvestre, frontman e cantante dei Modà, scrive il suo primo romanzo Cash.…

Un film per Nadia Murad premio Nobel per la pace 2018

Essere sopravvissuta a un genocidio porta con sé grandi responsabilità... Nadia Murad è una ragazza yazida, sopravvissuta alla persecuzione e alle…

Internazionale a Ferrara: scrittori da tutto il mondo

Torna "Internazionale" a Ferrara Dal 2007 il settimanale Internazionale organizza a Ferrara un festival di giornalismo: il primo weekend di ottobre…

Le fondamenta della città

Giuseppe Gennari

Le fondamenta della città

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788804627067
240 pagine
Prezzo: € 17,00
Formato: 15,0 x 21,0 - Brossura con alette
In vendita da: 5 febbraio 2013

Disponibile su:

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788852034718
240 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 5 febbraio 2013

Disponibile su: