La terra sta piangendo

La terra sta piangendo

All’alba del 29 novembre 1864 le truppe al comando del colonnello John Chivington attaccarono di sorpresa il pacifico villaggio di Pentola Nera, trucidarono e mutilarono duecento Cheyenne, due terzi dei quali erano donne e bambini. Il massacro di Sand Creek fu il primo degli scontri che incendiarono le Grandi Pianure per circa un trentennio, portando all’esodo forzato degli indiani all’interno delle riserve. Non fu un genocidio, ma una spirale di violenza volta a cancellare una società guerriera e intimamente mistica che mal si conciliava con una nazione in ascesa. Il progresso americano era fatto di ferrovie da costruire, oro da trovare, immense distese da convertire in terreni agricoli. La danza del sole fu soppiantata dal cristianesimo, la caccia al bisonte dall’allevamento dei bovini, il nomadismo dalla stanzialità.

Questa, però, è una visione parziale della conquista dell’Ovest americano. Secondo Peter Cozzens, studioso di storia militare ed esperto di guerre indiane, occorre invece andare più in profondità e far affiorare le ambiguità di tutti i protagonisti, per evitare di cedere all’emozione compassionevole tipica delle narrazioni degli ultimi cinquant’anni sulla resa di capi tribù quali Cochise, Cavallo Pazzo, Nuvola Rossa, Gambe di Legno e Toro Seduto. I pellerossa erano una costellazione di clan, spesso in lotta fra loro, non di rado scesi a patti con il «Grande Padre» di Washington per procurarsi sostegno contro i nemici. Le istituzioni furono tutt’altro che monocordi ma, anzi, vacillanti, indecise, deboli e incapaci di tenere a bada i delegati del governo federale sul territorio. L’esercito – mal equipaggiato, stremato dalla guerra civile, corrotto, incline all’alcol e alla diserzione – era composto di uomini arruolatisi per le ragioni più disparate, ognuno con le proprie ambizioni e debolezze. Così l’efferatezza di George Armstrong Custer, il pugno di ferro di William Sherman e la presunzione di Philip Sheridan si mescolarono alla fame di gloria di molte Giacche Blu, ma anche al turbamento di ufficiali come George Crook e Henry Carrington di fronte agli abusi brutali.

Le vittorie indiane nel «massacro Fetterman» e al Little Bighorn, e i successi dei bianchi a Sand Creek e Wounded Knee, diventano quindi tasselli sanguinosi di una scena multiforme, in grado di sfumare i confini tra oppressori e vittime, colpevoli e innocenti.

Basato in larga parte su fonti ancora inesplorate, La terra sta piangendo offre non una, ma tante storie della lunga conquista dell’Ovest, per farci comprendere quanto il dibattito su una delle pagine più violente e complesse della storia americana sia ancora ben lontano da una conclusione.

Recensioni

“Peter Cozzens fornisce una ricostruzione attenta e realistica degli eventi. Senza angeli e demoni. Ci sono le violenze di entrambe le parti in lotta, gli scontri fra tribù, gli errori della politica e la corruzione. Un affresco memorabile e onesto di un'epoca.”

Matteo Sacchi, "Il Giornale" 24 giugno 2018,

“Una rivisitazione equilibrata e ricca delle guerre indiane, per uscire dallo schema buoni/cattivi, con riferimenti storici e aneddoti che dimostrano come le scelte individuali abbiano poi pesato sui destini collettivi.”

Guido Olimpio, "La Lettura" 22 luglio 2018,

“Un affresco memorabile e onesto di un'epoca violenta e spietata capace però di superare lo schema buoni e cattivi e dove l'autore, grazie all'enorme quantità di fonti primarie indiane a disposizione, racconta la storia attraverso le parole di tutte le parti coinvolte e, con una conoscenza più approfondita delle ragioni in causa, può affrontare meglio i molti miti, gli equivoci e le falsità che circondano ancora le guerre indiane.”

Matteo Airaghi, "Corriere del Ticino" 30 agosto 2018,

“Cozzens non è certo negazionista. Semplicemente afferma di scrivere una storia di quel momento cruciale della realtà americana evitando la mitizzazione assoluta degli indiani e la criminalizzazione indiscriminata dei bianchi. [...] Il libro costituisce un contributo importante alla conoscenza di un momento storico fondamentale degli Stati uniti e dell'Occidente.”

Roberto Mussapi, "Avvenire" 2 ottobre 2018,

Peter Cozzens

Peter Cozzens, dopo una lunga carriera presso il Dipartimento di Stato, ha pubblicato numerosi libri sulla guerra civile e sulla conquista dell'Ovest americano. La terra sta piangendo ha vinto il Gilder Lehrman Prize for Military History nel 2017 ed è stato selezionato tra i migliori testi di storia editi nel 2016 dallo «Smithsonian Magazine».


Libri dello stesso genere

Ricevi l'esclusivo albero genealogico della famiglia Targaryen

#aspettandofuocoesangue Dal 20 novembre in libreria il nuovo libro di George R.R. Martin che racconta la storia della dinastia Targaryen,…

I Medici: Lorenzo il Magnifico, il romanzo della serie tv

I Medici: la seconda stagione su Rai 1 Parte su Rai 1 il 23 ottobre la seconda stagione della serie tv…

Kekko Silvestre: il tour del libro "Cash"

Il primo romanzo di Kekko dei Modà Kekko Silvestre, frontman e cantante dei Modà, scrive il suo primo romanzo Cash.…

Nadia Murad premio Nobel per la pace 2018

Essere sopravvissuta a un genocidio porta con sé grandi responsabilità... Nadia Murad è una ragazza yazida, sopravvissuta alla persecuzione e alle…

Internazionale a Ferrara: scrittori da tutto il mondo

Torna "Internazionale" a Ferrara Dal 2007 il settimanale Internazionale organizza a Ferrara un festival di giornalismo: il primo weekend di ottobre…

I nostri autori a Pordenonelegge 2018

Dal 19 al 23 settembre 2018 Pordenonelegge è la Festa del Libro con gli autori del Nord Est d’Italia e vanta…

Premio Campiello: "Le vite potenziali" di Targhetta

Premio Campiello Sabato 15 settembre alle 20,45 in diretta televisiva su Rai 5 da Venezia, si terrà la 56° edizione del…

La storia di Palma Bucarelli diventa un docufilm

Il docufilm in onda il 16 settembre su Rai 3 Amata e odiata, adulata e criticata, conosciuta per la sua…

I nostri autori a "Il Tempo delle Donne"

Dal 7 al 9 settembre a Milano Da un'idea di La 27esima Ora e in collaborazione con Io Donna, Valore…

I nostri autori al Festivaletteratura di Mantova

Dal 5 al 9 settembre Ogni anno dal 1997, Mantova è la sede del Festivaletteratura, uno degli appuntamenti culturali italiani…

I nostri autori al Festival della Comunicazione di Camogli

Festival della Comunicazione 2018 Da giovedì 6 a domenica 9 settembre si tiene nella bellissima cornice di Camogli, in Liguria,…

Crazy & Rich: una commedia sfavillante

Dal libro al film Photo by © Sanja BuckoDal bestseller internazionale Asiatici ricchi da pazzi di Kevin Kwan arriva al cinema il 15 agosto la…

La terra sta piangendo

Peter Cozzens

La terra sta piangendo

Genere: Storia, Tecnologia e Scienze
ISBN: 9788804686675
640 pagine
Prezzo: € 32,00
Formato: 15,5 x 23,3 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 29 maggio 2018

Disponibile su:

Genere: Storia, Tecnologia e Scienze
ISBN: 9788852087479
640 pagine
Prezzo: € 16,99
Formato: Ebook
In vendita da: 29 maggio 2018

Disponibile su: