Libro La nonna a 1000° Hallgrimur Helgason

La nonna a 1000°

“Fa bene a tutti perdere la facciata della propria casa,
sentire lo stridore dei freni davanti al proprio figlio o
vedere sparare alla schiena al proprio innamorato. Ho
sempre detestato frequentare gente che non ha mai
dovuto scavalcare un cadavere.”
A Herra Björnsson tutto questo è capitato. Ma non solo.
Le è capitato anche di baciare il più famoso dei Beatles
quando erano solo ignoti scarafaggi appena sbarcati
ad Amburgo e di incrociare in una bettola di Parigi lo
sguardo libidinoso di Sartre. Le è capitato di attraversare
la guerra con un’unica ricchezza, due perle della
collana di Casanova, peccato che un soldato tedesco
alto e idiota le abbia viste e se le sia mangiate. Ha scaricato
più di un uomo con la frase: «È arrivato il taxi»,
compreso, ancora in sala parto, il padre del suo primogenito.
Ha fatto tre figli con nove uomini, conoscendo
le canaglie di mezzo mondo: italiani che venerano
la fidanzata e poi la sposano per farne una sciattona,
americani che ti porterebbero sulla luna ma hanno una
crisi isterica se gli finisci il burro di noccioline, francesi
galanti ma in grado di farti impazzire a colpi di sostantivi,
orologiai svizzeri che sanno montare solo i meccanismi
degli orologi. “Dopo aver vagato per il mondo e
aver vissuto nel continente, ero ben stufa dei signori
compìti e non flatulenti che aprivano la porta alle signore
e pagavano il conto ma non avevano mai storie
da raccontare, e che erano perlopiù asessuati oppure
volevano essere coccolati fino all’alba.” Così Herra
ha finito per preferire gli islandesi, perché sono mezzi
matti, si lanciano nelle risse con passione e sanno
raccontare un’infinità di storie.

Nipote titolata del primo presidente d’Islanda, ha attraversato
il vecchio continente e si è spinta fino in
Sudafrica e in Argentina, ha conosciuto le guerre e si
è fatta nuovi amici (e spasimanti) su Facebook. È sopravvissuta
ai figli privi di talento e a tutte le terribili
nuore. Ma ora, chiusa in un garage nella sua amata
Reykjavík, in compagnia di un computer portatile,
due stecche di Pall Mall e una bomba a mano di fabbricazione
tedesca, è decisa a battere sul tempo la
propria malattia. Non senza aver preparato la sua ultima,
grandiosa vendetta…

Hallgrimur Helgason

Hallgrímur Helgason è nato nel 1959 a Reykjavík. Il suo libro di maggior successo, 101 Reykjavík, è stato tradotto in 13 lingue e selezionato per il Nordic Council Literature Prize, e nel 2000 ne è stato tratto un film pluripremiato al Film Festival Locarno e al Toronto Film Festival. Nel 2001 il suo romanzo Il più grande scrittore d'Islanda ha vinto l'Icelandic Literary Prize. Oltre che di romanzi, è autore di numerose sceneggiature per il teatro e la televisione.


Libri dello stesso genere

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

La nonna a 1000°

Hallgrimur Helgason

La nonna a 1000°

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804636083
588 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 15,0 x 21,0 - Brossura con alette
In vendita da: 18 febbraio 2014

Disponibile su: