La danza della parola

La danza della parola

«Oggi dovremmo capire come servirci del- l’ironia per difenderci dai pericolosi dogmatismi dell’epoca nostra. In particolare, dal dogmatismo dell’immediato che è appunto quello dei nostri politici, i quali, magari, non concepiscono che ci sia qualcosa come l’ironia.» Giulio Giorello, filosofo della scienza e matematico, si confronta con il tema dell’ironia, che definisce «un’arma di costruzione di massa»: di massa nel senso che può essere utilizzata da chiunque. L’ironia si dimostra capace non solo di smantellare intere fortezze, infiltrandosi con le sue domande impertinenti, ma di costruire lei stessa nuovi castelli, a patto che si sia consapevoli che questi sono dei veri e propri castelli in aria, così come sono di sabbia le fortezze che man mano gli esseri umani costruiscono nel tempo.

Ottimi esempi di ironia si trovano in quella combinazione di serietà e umorismo che ci è stata regalata dai fumetti, da Topolino, ai Peanuts a Tex. Ma anche in tante opere letterarie: dalla critica di Jonathan Swift alle pretese dei dotti di formare una corporazione di privilegiati nei Viaggi di Gulliver alla suprema ironia di Robert Musil, che nell’Uomo senza qualità descrive il protagonista come colui che aspira a quella stessa condizione ideale che il suo critico era così pronto ad attribuirgli, o ancora l’irriverente ironia di James Joyce, che prende di mira persino il buon Dio, che «ha scritto il folio di questo mondo, e l’ha scritto sbagliato».

Anche la scienza nei momenti creativi, quando cioè distrugge un paradigma costituito e comincia a costruire un’alternativa, usa l’ironia. Non solo, è capace di servirsene come strumento di alta retorica e di sottile comunicazione della novità. Non era ironico, forse, Giordano Bruno quando nella Cena de le Ceneri difendeva un universo «senza margine» contro il mondo chiuso di Aristotele?

Ecco allora disvelata tutta la potenza dell’ironia, che «nel solco di quell’Illuminismo che ha rappresentato un modello coraggioso di ricerca e di rispetto della verità, segnatamente della verità scientifica», si dimostra un’arma civile per combattere schemi, categorie e istituzioni rigide, grazie alle sue doti a un tempo distruttive e creative.

Giulio Giorello

Giulio Giorello, titolare della cattedra di Filosofia della Scienza all'Università degli Studi di Milano, è nato in questa città il 14 maggio 1945. Si è laureato in filosofia nel 1968 e in matematica nel 1971. Ha insegnato in facoltà di Ingegneria (Pavia), Lettere e filosofia (Milano), Scienze (Catania), nonché al Politecnico di Milano e allo iuav di Venezia. Collabora con il «Corriere della Sera» e dirige presso l'editore Raffaello Cortina di Milano la collana Scienze e idee. Il punto centrale delle sue riflessioni è l'intreccio tra crescita della scienza e libertà intellettuale e civile; in questa prospettiva ha curato insieme con Marco Mondadori un'edizione italiana del saggio Sulla libertà di John Stuart Mill (il Saggiatore, 1981). Tra i suoi ultimi libri: Lussuria (il Mulino, 2010), Senza Dio. Del buon uso dell'ateismo (Longanesi, 2010), La filosofia di Topolino (con Ilaria Cozzaglio, Guanda, 2013), Noi che abbiamo l'animo libero. Quando Amleto incontra Cleopatra (con Edoardo Boncinelli, Longanesi, 2014) e, infine, Libertà (Bollati Boringhieri, 2015).


Altri libri dello stesso autore

Libri dello stesso genere

Quasi per caso: Giancarlo De Cataldo racconta il suo nuovo giallo storico

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Perché un romanzo Per sole donne? Ce lo racconta Veronica Pivetti

Astenersi puritani e persone sensibili. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Ah, astenersi anche perditempo, of course! Quello di Veronica…

'Per te' di Francesco Sole: una storia d'amore, eros e poesia

Il nuovo romanzo poetico di Francesco Sole Il nuovo libro di Francesco Sole, Per te, si apre con le parole…

I nostri autori a Lucca Comics & Games 2019

Lucca Comics & Games 2019: dal 30 ottobre al 3 novembre l'evento più atteso dagli amanti del fantastico Si avvicina QUEL momento dell'anno,…

Dal libro al film: 'Il mistero Henri Pick' arriva al cinema

Sul fatto che Il mistero Henri Pick fosse un libro dall’alto potenziale narrativo (non solo letterario) non avevamo dubbi. Ma…

'Una gran voglia di vivere': il nuovo romanzo di Fabio Volo

Il viaggio dentro una crisi Nella vita di una coppia che si credeva capace di mantenere le promesse, un giorno arrivano i dubbi.…

Tra le nebbie di un giallo padano: 'Gli invisibili' di Valerio Varesi

Ci sono persone che cercano la clandestinità e altre che la ottengono senza intenzione. Col silenzio, la solitudine e la…

Distopia e sinistri misteri: Robert Harris torna con un nuovo romanzo

Anno 1468. 
 Un viaggiatore solitario avanza con espressione preoccupata attraverso una landa selvaggia dell'Inghilterra sudoccidentale. Tutto è immobile, attorno neanche un'anima viva.…

Comix Games Classi 2020: la sfida è "Rima la trama"

Comix Games Classi 2020: rima la trama! La lettura, un po' come diceva Christopher McCandless nel film Into the wild, a volte è (più)…

Guinness World Records 2020: in Italia dal 17 settembre

Guinness World Record: una nuova edizione che celebra un decennio di imprese eccezionaliIl 17 settembre è la data da record che…

I nostri autori al Festival della Comunicazione di Camogli

Festival della Comunicazione 2019 Da giovedì 12 a domenica 15 settembre si tiene nella bellissima cornice di Camogli, in Liguria, la VI edizione…

Minecraft, Fortnite e Guiness World Records: i nostri consigli di libri da giocare

Mondi paralleli, record del mondo, esercizi di creatività I libri sono di per sé uno dei migliori modi di trascorrere il tempo, ma…

La danza della parola

Giulio Giorello

La danza della parola

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788804720386
120 pagine
Prezzo: € 17,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 19 novembre 2019

Disponibile su: