La confraternita delle puttane

La confraternita delle puttane

Siamo nel nostro Sud più profondo, in un piccolo paese dell’entroterra, alla fine degli anni Ottanta. Il mare è lontano, un miraggio oltre il cemento della costa, tutto intorno una natura selvatica e solo a tratti generosa – più spesso oscura, frusciante. In paese vivono molte ragazze, colme di speranza ma schiacciate da un orizzonte che sembra negarsi a ogni passo. Sì, perché per tutte loro, già tra le mura di casa o appena varcata la soglia nel sole abbacinante, è pronto un giudizio inappellabile, che si posa sulle mani laccate di smalto, sulle gambe, sulle labbra colpevoli di tessere la tela di un incessante discorso d’amore. Le madri, che hanno chinato la testa, sono le prime rivali. Ma l’inquietudine più profonda si incarna negli uomini, padri e coetanei, che godono il privilegio della libertà e non devono rendere conto se non ai propri istinti, che si esprimono nelle processioni delle confraternite religiose, riti oscuri quanto i cappucci di cui tutti si rivestono.
E poi, sul Monte che domina il paese, ci sono i militari della minuscola base Nato – calamita di sguardi e pensieri. Ogni sera scendono in paese in cerca d’amore e le ragazze si contendono il muretto migliore su cui aspettare il loro arrivo, eleganti ed emozionate, sempre innamorate di qualcuno, divise tra segrete amicizie e una selvaggia guerra che le oppone una all’altra. A scatenare le invidie è la splendida Lara, che fa girare la testa a uomini di ogni età e fa parlare di sé per l’ambigua amicizia che la lega a Mariella, sua inseparabile compagna.
Testimone di queste giornate sempre uguali, eppure sempre più febbrili, è una tredicenne che osserva nell’ombra. La sua è una ribellione intima, meno sfacciata di quella di Lara, fatta di un amore insopprimibile per la propria terra disgraziata che si mescola al desiderio di fuggire. Fuggire lontano dalla meschinità e dalla miseria di un destino che condanna le donne a interpretare e tramandarsi il medesimo implacabile epiteto: puttana.
Partendo dall’adolescenza e giungendo a una inevitabile resa dei conti con la femminilità, Lucrezia Lerro dà vita al grande racconto dell’amore e del disamore, della rabbia e dei sogni di giovani donne destinate a incidersi nella nostra memoria per la loro feroce autenticità. Dalla Fontana alla Piazza al Vico alto, dalle serre dove si raccolgono le fragole, dalle strade di luce e polvere si leva un coro di voci che sono vive, vicine, intense come quelle delle protagoniste della tragedia antica.

Lucrezia Lerro

Lucrezia Lerro è nata nel 1977. Vive e lavora a Milano. Ha pubblicato per Bompiani i romanzi Certi giorni sono felice, Il rimedio perfetto, La più bella del mondo, La bambina che disegnava cuori, Sul fondo del mare c¿è una vita leggera, e per Mondadori La confraternita delle puttane. E' autrice inoltre delle raccolte di poesie L¿amore dei nuotatori e Il corollario della felicità.


Voce all'autore: la scrittura di Nora Venturini tra gialli, teatro e televisione

Gialli, sceneggiature, Roma e una tassista detective: entra nel mondo di Nora Venturini La scrittura di Nora Venturini si muove…

Voce all'autore: gli anni di piombo nel nuovo giallo di Piero Colaprico

Uno psichiatra ucciso, la Milano da bere, gli anni di piombo. Piero Colaprico ha scritto un nuovo giallo. Si intitola Anello di…

Oroscopo 2020: leggere le stelle con Branko e Simon & the Stars

Oroscopo 2020: leggi il nuovo anno tra le stelle Come sarà il 2020?  Si avvicina quel momento dell'anno in cui…

Voce all'autore: Dario Crapanzano racconta Il furto della Divina Commedia

Chi ha rubato la Divina Commedia? Tutto ruota attorno a un libro, nel nuovo romanzo giallo di Dario Crapanzano, ultimo…

Il ritorno all'Antica Roma di Valerio Massimo Manfredi

Avanzava nella steppa numidica una carovana scortata da venti soldati a cavallo in tenuta leggera e altrettanti legionari che avevano…

Voce all'autore: Giancarlo De Cataldo racconta Quasi per caso

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Perché un romanzo Per sole donne? Ce lo racconta Veronica Pivetti

Astenersi puritani e persone sensibili. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Ah, astenersi anche perditempo, of course! Quello di Veronica…

'Per te' di Francesco Sole: una storia d'amore, eros e poesia

Il nuovo romanzo poetico di Francesco Sole Il nuovo libro di Francesco Sole, Per te, si apre con le parole…

I nostri autori a Lucca Comics & Games 2019

Lucca Comics & Games 2019: dal 30 ottobre al 3 novembre l'evento più atteso dagli amanti del fantastico Si avvicina QUEL momento dell'anno,…

Dal libro al film: 'Il mistero Henri Pick' arriva al cinema

Sul fatto che Il mistero Henri Pick fosse un libro dall’alto potenziale narrativo (non solo letterario) non avevamo dubbi. Ma…

'Una gran voglia di vivere': il nuovo romanzo di Fabio Volo

Il viaggio dentro una crisi Nella vita di una coppia che si credeva capace di mantenere le promesse, un giorno arrivano i dubbi.…

Voce all'autore: tra le nebbie di un giallo padano con Gli invisibili di Valerio Varesi

Ci sono persone che cercano la clandestinità e altre che la ottengono senza intenzione. Col silenzio, la solitudine e la…

La confraternita delle puttane

Lucrezia Lerro

La confraternita delle puttane

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804624929
204 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 15,5 x 23,3 - Brossura con alette
In vendita da: 10 settembre 2013

Disponibile su:

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788852042218
204 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 3 settembre 2013

Disponibile su: