Il Califfo e l’Ayatollah

Il Califfo e l’Ayatollah

L’Isis del califfo Al-Baghdadi che minaccia «crociati ed ebrei» è davvero pericoloso per l’Europa? Perché sunniti e sciiti si combattono ferocemente se sono entrambi musulmani? Quanto è affidabile l’Iran dell’ayatollah Khamenei, che vuole a tutti i costi la bomba atomica? E ancora: l’Occidente è consapevole della pericolosa tenaglia in cui si trova, stretto tra il violento fanatismo del Califfo e l’espansionismo dissimulato dell’Ayatollah, e, soprattutto, saprà difendersi? Questi interrogativi non dovrebbero interessare solo i politici in Europa e negli Stati Uniti, visto che non passa giorno senza che giornali e televisione non annuncino l’ennesimo attentato jihadista o l’ulteriore voltafaccia dell’Iran sul nucleare. Le immagini delle stragi certamente ci sconvolgono. Quasi sempre, però, noi occidentali percepiamo le esplosioni di violenza dell’Isis o l’aggressiva politica di potenza iraniana come eventi dalle motivazioni oscure e irrazionali. E altrettanto irrazionale ci appare la scelta dei foreign fighters che, irretiti da una propaganda che sfrutta appieno la penetrazione capillare consentita dai social network, lasciano gli agi di una società affluente, ma «vuota e corrotta», per la nera bandiera e l’ideale di «purezza» dello Stato Islamico. Fiamma Nirenstein, che da anni segue le vicende dell’area mediorientale, offre ne Il Califfo e l’Ayatollah una panoramica chiarificatrice delle forze in gioco, partendo dalla ricostruzione storica dei motivi del conflitto intramusulmano e dalle radici, non solo coraniche ma anche contingenti, della furia antioccidentale e dell’odio antisemita che animano sia l’Isis che l’Iran. Una furia di fronte alla quale l’Occidente, assuefatto a una pace dolorosamente conquistata e che perdura da quasi settant’anni, fatica a reagire in modo adeguato: invoca il multiculturalismo, teme l’accusa di islamofobia e commette un errore dopo l’altro sulla scena internazionale. Il rifiuto ideologico dell’uso della forza e la ricerca di un accordo a tutti i costi in politica estera, oltre che una solida rete di garantismo a protezione dei diritti umani, sacrosanto in condizioni «normali», si traducono infatti in debolezza quando si tratta di fermare infiltrati e fanatici. Uno scenario fosco, dunque, sullo sfondo del quale si intravede però un barlume. Perché oggi i paesi arabi stanno in gran parte scoprendo di avere un interesse condiviso, in comune tra loro e persino con l’Occidente: lo sradicamento del terrore, sia sciita che sunnita. «Paradossalmente» conclude l’autrice «la storia del Medio Oriente e dei rapporti tra mondo occidentale e Islam non si è mai dimostrata così aperta a una svolta come ora.»

Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein è giornalista e scrittrice. Eletta nel 2008, è stata per cinque anni deputata e ha ricoperto il ruolo di vicepresidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera. Editorialista e inviata per «Il Giornale», scrive in qualità di opinionista. Ha lavorato per «La Stampa» e collaborato con «Panorama». Da Gerusalemme ha scritto reportage sui conflitti, il terrorismo, le dinamiche fra le tre religioni monoteiste e sui segnali di pace nell'area mediorientale, si è occupata del tema dei diritti umani in molte aree, ricevendo numerosi premi giornalistici. Ha scritto dieci libri, tra i più recenti ricordiamo: Israele siamo noi (Rizzoli, 2007) e A Gerusalemme (Rizzoli, 2012).


Libri dello stesso genere

Vasco Rossi: 'Non Stop - le mie emozioni dal Modena Park a qui'

Un racconto in presa diretta del tour di Vasco Rossi più emozionante di sempreMaggio 2019. Nella pioggia battente Vasco Rossi sta…

'I ragazzi della Nickel': il nuovo atteso romanzo di Colson Whitehead

A settembre in libreria il nuovo romanzo di Colson Whitehead, il "narratore d'America" Dopo La ferrovia sotterranea, il romanzo che…

'Me' di Elton John: in arrivo la prima autobiografia ufficiale

Me di Elton John: il 15 ottobre in contemporanea mondiale e in Italia per Mondadori A pochi mesi dall'uscita di…

Un viaggio anti Brexit: Follett, Moyes, Child e Mosse per il Friendship Tour

Friendship Tour: l'Europa della Brexit è ancora unita dalle radici e dalla cultura Dire no alla Brexit, dimostrarsi vicini, figli…

GrishaVerse di Leigh Bardugo in Italia da settembre 2019

Lo attendevamo da tempo e finalmente sta per arrivare: da settembre il GrishaVerse di Leigh Bardugo sarà disponibile anche per i fan italiani!Mondadori ha…

Aspettando il Premio Strega: Benedetta Cibrario incontra i lettori

Il rumore del mondo di Benedetta Cibrario è un bellissimo romanzo storico ambientato nel Risorgimento ed è uno dei 5 libri…

Gli autori Mondadori al Wired Next Fest 2019

Dal 24 al 26 maggio a Milano si parla di futuro: arriva il Wired Next Fest, il più importante festival italiano dedicato alla…

Thomas Harris è tornato

A tredici anni di distanza dal suo ultimo libro torna sugli scaffali Thomas Harris! Sì, proprio lui: l'autore che ci ha…

Gli autori Mondadori al Salone Internazionale del Libro di Torino

Dal 9 al 13 maggio va in scena la 32° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Prepariamoci a un…

The Perfect Date: dal libro al film Netflix

The Perfect Date non è solo un film originale Netflix in onda dal 12 aprile, ma anche un libro. Prodotta da Awesomeness…

Nuovi Argomenti cambia forma

Nuovi Argomenti si rinnova. Dal 14 maggio troveremo la rivista letteraria italiana fondata nel 1953 da Alberto Moravia e Alberto Carocci con un…

Gli autori Mondadori a Napoli città del libro 2019

Dal 2017 Napoli si trasforma nella Città del libro grazie al Salone del Libro e dell'Editoria: un luogo dedicato ai lettori, ai libri…

Il Califfo e l’Ayatollah

Fiamma Nirenstein

Il Califfo e l’Ayatollah

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788804656388
144 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 3 novembre 2015

Disponibile su:

Genere: Politica e Attualità
ISBN: 9788852067792
144 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 17 novembre 2015

Disponibile su: