Il basilico di Palazzo Galletti

Il basilico di Palazzo Galletti

L’estate avvampa a Palermo, la terra è arida e i bacini a secco. Dai rubinetti, come sempre in agosto, l’acqua scende appena, sui marciapiedi l’immondizia fermenta rendendo l’aria irrespirabile, e a nulla servono preghiere e invocazioni a santa Rosalia affinché faccia piovere. I poveri si muovono nei bassi come fantasmi nella polvere, i più abbienti hanno già lasciato i quartieri alti per le loro ville al mare. Nell’attesa della festa in onore della patrona della città, Marò, da poco promossa a capo del gruppo “antifemminicidio”, porta avanti con riluttanza una nuova complessa indagine su un omicidio avvenuto il giorno di Ferragosto.

Non attraversa un periodo felice, la commissaria. La promozione, anziché gratificarla, l’ha resa insicura, come non si sentisse all’altezza di quella nuova responsabilità – e in cuor suo desidera smettere “la pesante divisa da poliziotta, per vestire i panni più leggeri della cuciniera” -; la turbolenta relazione con Sasà, sempre più intrattabile da quando il questore l’ha spedito in un sonnacchioso commissariato dove nulla funziona e nulla accade, pare volgere al tramonto fra risentimenti, incomprensioni e défaillance sessuali. Gli anni passano veloci, troppo, e forse quell’uomo bizzoso, un tantino rozzo e grossolano, è l’ultima possibilità che le rimane di crearsi una famiglia. È per questo, perché la sua vita è a un punto morto, che Marò avrebbe preferito non occuparsi del caso? Intanto l’indagine, inaspettatamente, le sta mettendo sotto il naso man mano elementi che sembrano avere bizzarre implicazioni con la sua vita privata. Quale svolta l’attende in fondo a questa estate “che non lascia presagire nulla di buono”?

Giuseppina Torregrossa ha scritto una storia guizzante e sensuale, punteggiata di humour, e capace di circoscrivere in modo conturbante i desideri inespressi e le impasse di una donna che si trova nel passaggio cruciale dalla giovinezza alla maturità.

Recensioni

“Un libro che profuma di mistero e Sicilia e che non deve mancare nella valigia per le vacanze di chi ama i gialli ben scritti.”

Camilla Ghirardato, "Starbene" 19 giugno 2018,

“Con una scrittura ironica e golosa, spesso attraversata dalla poesia del dialetto, la scrittrice palermitana Giuseppina Torregrossa, che ama raccontare le donne e le contraddizioni del loro tempo, ci tuffa in un giallo appassionato e dolente, una storia intinta nella vampa d'agosto, tra eros e cibo.”

Ombretta Grasso, "La Sicilia" 21 giugno 2018,

“Giuseppina Torregrossa ci conduce per mano tra i vicoli, le strade, le piazze, i mercati e i palazzi dell'amata capitale italiana della Cultura denunciando ciò che non va. Il profumo del basilico "che induce torpore e conduce alla pazzia" (Plinio), si sente anche in queste pagine da cui è difficile staccarsi, ricche di tensione, di mistero e di tanto (necessario) sense of humour.”

Giuseppe Fantasia, "Il Foglio" 20 giugno 2018,

“Con questo romanzo la Torregrossa costruisce un intreccio ben fatto, narrato con il ritmo giusto, con un'attenzione notevole alla psicologia dei personaggi e torna così al noir che aveva già sperimentato con "Panza e prisenza". [...] Ogni parola contribuisce a far rivivere tra le pagine la magia di una Palermo apparentemente sonnolenta come la regina di un antico "cunto".”

Emanuela E. Abbadessa, "La Repubblica" 23 giugno 2018,

“Con ironia, intelligenza e sapienza narrativa che a tratti prende i contorni della testimonianza, la Torregrossa rende omaggio alla sua terra, regala gli scorci e i profumi di Palermo, capace di farne respirare l'anima insieme con l'aria infuocata di metà estate.”

Elena Masuelli, "La Stampa" 30 giugno 2018,

Giuseppina Torregrossa

Giuseppina Torregrossa è nata a Palermo. Madre di tre figli, vive tra la Sicilia e Roma, dove ha lavorato per più di vent'anni come ginecologa. Con Mondadori ha pubblicato Il conto delle minne (2009, tradotto in dieci lingue), Manna e miele, ferro e fuoco (2011), La miscela segreta di Casa Olivares (2014) e, nel 2012, Panza e prisenza, dove compare per la prima volta il personaggio della commissaria Marò Pajno.


Libri dello stesso genere

Paese che vai romanzo che trovi: i libri per l'estate

10 storie da mettere in valigia Estate non è estate se non metti in valigia (almeno) un libro. Il detto…

Il basilico di Palazzo Galletti

Giuseppina Torregrossa

Il basilico di Palazzo Galletti

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804687825
252 pagine
Prezzo: € 18,50
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 12 giugno 2018

Disponibile su:

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788852087837
252 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 12 giugno 2018

Disponibile su: