Giuro che non avrò più fame

Giuro che non avrò più fame

Il primo film che le nostre nonne e le nostre madri andarono a vedere dopo la guerra fu Via col vento. Molte si identificarono in una scena: Rossella torna nella sua fattoria, la trova distrutta, e siccome non mangia da giorni strappa una piantina, ne rosicchia le radici, la leva al cielo e grida: «Giuro che non soffrirò mai più la fame!». Quel giuramento collettivo fu ripetuto da milioni di italiane e di italiani. Fu così che settant’anni fa venne ricostruito un Paese distrutto.

Come scrive Aldo Cazzullo, «avevamo 16 milioni di mine inesplose nei campi. Oggi abbiamo in tasca 65 milioni di telefonini, più di uno a testa, record mondiale. Solo un italiano su 50 possedeva un’automobile. Oggi sono 37 milioni, oltre uno su due. Eppure eravamo più felici di adesso». Ora l’Italia è di nuovo un Paese da ricostruire. La lunga crisi ha fatto i danni di una guerra. Per questo dovremmo ritrovare l’energia e la fiducia in noi stessi di cui siamo stati capaci allora.

Cazzullo racconta l’anno-chiave della Ricostruzione, il 1948. Lo scontro del 18 aprile tra democristiani e comunisti. L’attentato a Togliatti e l’insurrezione che seguì. La vittoria al Tour di Bartali e l’era dei campioni poveri: Coppi e il Grande Torino, cui restava un anno di vita. Le figure dei Ricostruttori, da Valletta a Mattei, da Olivetti a Einaudi. Il ruolo fondamentale delle donne, da Lina Merlin, che si batte contro le case chiuse, ad Anna Magnani, che porta al cinema la vita vera. L’epoca della rivista: Wanda Osiris e Totò, Macario e Govi, il giovane Sordi e Nilla Pizzi.

Ma i veri protagonisti del libro sono le nostre madri e i nostri padri. La loro straordinaria capacità di lavorare e anche di tornare a ridere. Il racconto di un tempo in cui a Natale si regalavano i mandarini, ci si spostava in bicicletta, la sera si ascoltava tutti insieme la radio; e intanto si faceva dell’Italia un Paese moderno.

Recensioni

“Si esce da queste pagine con un umore impastato di nostalgia e speranza. La nostra generazione non deve vedersela con le macerie fisiche di una guerra, ma con quelle morali della rassegnazione. Per provare a sconfiggere, scrive Cazzullo, l'idea inaccettabile che essere italiani sia diventata una sfortuna.”

Massimo Gramellini, "Corriere della Sera" 16 settembre 2018,

“La storia del magnifico umile eroico spirito italiano della Ricostruzione.”

Paolo Guzzanti, "Il Giornale" 29 settembre 2018,

“Il libro di Cazzullo ci invita a riflettere sull'inutilità di vivere eternamente nel presente, sulla necessità di tornare a immaginare il futuro, trovando nel passato, nelle pagine più belle del passato recente, la forza delle radici e la voglia di continuare.”

Marcello Sorgi, "La Stampa" 5 ottobre 2018,

“Un saggio che racconta l'Italia della Ricostruzione, un Paese a pezzi con tante donne vedove, che avevano perso figli, violentate dai soldati, ma capaci di essere protagoniste della ripartenza morale e materiale.”

Gaia Giorgetti, "F" 10 ottobre 2018,

“Il parallelo tra il conflitto e la crisi è un pretesto per scrivere un reportage su una delle avventure più belle del Paese.”

Christopher Cepernich, "Corriere della Sera" 6 ottobre 2018,

“Meraviglioso. Dovrebbe essere una lettura obbligatoria nelle scuole italiane.”

Federico Rampini, "D - La Repubblica" 6 ottobre 2018,

“Immagini di un tempo che fu, ma così vivide ed evocative che sembra di sfogliare un pezzo dell'archivio dell'Istituto Luce con la colonna sonora di Nilla Pizzi e del Quartetto Cetra.”

Silvana Mazzocchi, "La Repubblica" 12 ottobre 2018,

“Cazzullo scrive una cavalcata nella storia che è un efficace ripasso per le nuove generazioni. [...] Un libro che guarda al passato per trarne una lezione di speranza per il futuro.”

Paolo Armelli, "Donna Moderna" 24 ottobre 2018,

Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo (Alba, 1966) è inviato e editorialista del «Corriere della Sera», di cui cura la pagina delle Lettere. Tutti i suoi ultimi libri - Viva l'Italia! (2010), Basta piangere! (2013), Possa il mio sangue servire (2015), Le donne erediteranno la terra (2016), Metti via quel cellulare (2017) - hanno superato le centomila copie; La guerra dei nostri nonni (2014), le duecentomila.


Mondadori Store lancia "C'è vita in un libro. La tua"

La nuova campagna per la promozione del libro e della lettura “C’è vita, in un libro. La tua”Questo il claim…

I nostri autori a Bookcity Milano 2018

Dal 15 al 18 novembre Bookcity Milano è una manifestazione di tre giorni (più uno dedicato alle scuole), durante i quali…

La Divina Commedia: un libro per tutti

La Divina Commedia come non l'avete mai vista Chi non ha mai pensato che il capolavoro di Dante, la Divina Commedia,…

Tutti gli eventi Mondadori a Lucca Comics & Games 2018

Lucca Comics & Games 2018 Da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre si svolgerà nella città toscana il Lucca…

Michele Bravi: il tour del libro "Nella vita degli altri"

Il primo romanzo di Michele Bravi   Quanto c’è di noi nella vita di chi ci sta attorno? Quanto c’è…

Ricevi l'esclusivo albero genealogico della famiglia Targaryen

#aspettandofuocoesangue Dal 20 novembre in libreria il nuovo libro di George R.R. Martin che racconta la storia della dinastia Targaryen,…

I Medici: Lorenzo il Magnifico, il romanzo della serie tv

I Medici: la seconda stagione su Rai 1 Parte su Rai 1 il 23 ottobre la seconda stagione della serie tv…

Kekko Silvestre: il tour del libro "Cash"

Il primo romanzo di Kekko dei Modà Kekko Silvestre, frontman e cantante dei Modà, scrive il suo primo romanzo Cash.…

Nadia Murad premio Nobel per la pace 2018

Essere sopravvissuta a un genocidio porta con sé grandi responsabilità... Nadia Murad è una ragazza yazida, sopravvissuta alla persecuzione e alle…

Internazionale a Ferrara: scrittori da tutto il mondo

Torna "Internazionale" a Ferrara Dal 2007 il settimanale Internazionale organizza a Ferrara un festival di giornalismo: il primo weekend di ottobre…

I nostri autori a Pordenonelegge 2018

Dal 19 al 23 settembre 2018 Pordenonelegge è la Festa del Libro con gli autori del Nord Est d’Italia e vanta…

Premio Campiello: "Le vite potenziali" di Targhetta

Premio Campiello Sabato 15 settembre alle 20,45 in diretta televisiva su Rai 5 da Venezia, si terrà la 56° edizione del…

Giuro che non avrò più fame

Aldo Cazzullo

Giuro che non avrò più fame

ISBN: 9788804705307
264 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 15,0 x 21,0 - Brossura con alette
In vendita da: 18 settembre 2018

Disponibile su:

ISBN: 9788852089510
264 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 18 settembre 2018

Disponibile su: