Fino alla fine

Fino alla fine

Taranto, in un futuro prossimo.
Dindo, Claudio e Valeria, detta Gorgo, hanno ormai passato i cinquant’anni. Si ritrovano a Taranto per partecipare al funerale di un vecchio amico. La piazza è piena di gente, e l’atmosfera è pesantissima, incattivita, lacerata, come si sono lacerati nel tempo i rapporti tra gli amici, tanto uniti in gioventù dalle comuni passioni, umane e politiche, quanto lontani e divisi oggi, sia per le strade diverse che hanno preso le loro vite, sia perché la loro amicizia si è frantumata contro il Siderurgico di Taranto, lo stabilimento più grande d’Europa: per alcuni la fabbrica va salvata a tutti i costi, perché non solo produce lavoro e benessere, oltre che acciaio, ma anche perché è un monumento insostituibile di memorie e di orgoglio operaio; per altri, invece, il Siderurgico è ormai solo il “Mostro” da chiudere, abbattere, cancellare, bonificare, perché con i suoi fumi avvelena e uccide.
Fino alla fine è il racconto di sconfitte e tradimenti, di una generazione smarrita, incapace di invecchiare, e di un paese quasi al capolinea: mentre l’azione si svolge incessante, attraverso sapienti escursioni nel passato vediamo i quattro protagonisti crescere, cambiare, peggiorare forse, anche se l’usura della memoria, dei rapporti e della morale non li piegherà mai del tutto allo spirito del tempo. E assistiamo anche al cambiamento dell’Italia, ridotta a una comunità composta da una moltitudine di individui in retrospettiva, trasformata in nazione liquida, disillusa, spenta; un paese di partiti deboli e personalistici, dove l’ideologia ha lasciato il posto alla comunicazione, i partiti sono diventati proprietà privata di leader che hanno sostituito i militanti con i follower e la passione civile si è trasformata in una disperata forma di ultima resistenza all’omologazione.
Fino alla fine è un romanzo tanto travolgente e originale quanto profondo e toccante, nel quale le vicende umane dei protagonisti si innervano in quelle del paese. Fino al pirotecnico finale, in un futuro che, forse, è già presente.

Recensioni

“Angelo Mellone mostra di conoscere perfettamente: nella struttura, nei quadri, nelle maestranze, nella quotidianità del minerale che entra, cuoce, diventa acciaio, si imbarca, parte: il lavoro (questo lavoro dove “la vita tua dipende da quella degli altri e quella degli altri dipende da te”).”

Anita Preti, Nuovo Quotidiano di Puglia,

“Se tutti i personaggi tradiscono qualcosa e qualcuno, e finanche loro stessi, lo fanno perché tradire significa propriamente trasmettere, cioè donare. In quel tradimento, tutti i personaggi del libro non fanno che donare agli altri e al mondo una parte di se stessi. In un mondo in cui tutto è permesso (direbbe Dostoevskij), dove neppure la cultura è capace di ripristinare il senso di realtà e verità, dove la morale è al suo grado zero, il solo modo per restare uomini è donarsi, donarsi pienamente. ”

Andrea Caterini, Il Giornale,

“Il libro incrocia questi due tavoli con propositi narrativi molto alti e non sempre mantenuti, perché la giostra di generi - romanzo sociale, formazione generazionale, persino spy story - richiederebbe ritmo costante e virtuosismo continuo. Tuttavia, non delude mai sul piano emotivo, perché pagina dopo pagina si avvinghia alla ragione più vera e autobiografica di questa narrazione, che per Mellone è la sua città, Taranto: «Taranto libera» o da liberare, la Taranto spartana dall'umiliato dna marziale, la Taranto rossoblu degli ultras di calcio e la Taranto di Tamburi, il quartiere dal cimitero rosa (a causa delle polveri dell'acciaieria) che è l'epitome delle sconfitte dei nostri quattro vecchi ragazzi ed è anche un monumento alla sconfitta collettiva, forse ben al di là delle intenzioni dell'autore.”

Goffredo Buccini, Corriere della Sera,

“È una storia di amore e di odio. Per Taranto, ma anche per una fabbrica. Non tanto perché si possa provare sentimenti per un "Mostro" - così qualcuno lo chiama - fatto di ciminiere, quanto perché l’impianto siderurgico ha incarnato un sogno di sviluppo del Mezzogiorno che pare tragicamente destinato a naufragare.”

Gianni Santamaria, Avvenire,

“Dal romanzo di formazione sono convocati alla resa dei conti di una generazione alimentata al culto del cameratismo, del Duce e del ventennio, che si svolge nel posto del destino: a Taranto, all'ombra dell'immenso impianto prima Italsider e poi Ilva, nello stadio delle passioni, in una città dalla bellezza stremata. «L'idealtipo di uno scempio», si legge nelle pagine di Fino alla fine.”

Generoso Picone, Il Mattino,

Angelo Mellone

Angelo Mellone (Taranto, 1973) è giornalista, scrittore e capostruttura Rai. Editorialista e inviato di politica, cultura e costume per numerosi quotidiani nazionali, è autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi. Ha conseguito il dottorato in Sociologia della comunicazione all'università di Firenze e insegna Scrittura alla Luiss "Guido Carli" di Roma. Autore di diversi libri di saggistica, reportage e lavori teatrali, Fino alla fine è il suo quarto romanzo, dopo Nessuna croce manca (Baldini+Castoldi, 2015), Incantesimo d'amore (Pellegrini, 2016) e La stella che vuoi (Pellegrini, 2017).


Leggi l'approfondimento e le interviste

‘Fino alla fine’, romanzo di una catastrofe: il nuovo libro di Angelo Mellone

Perché un romanzo proprio sullo stabilimento siderurgico?
«La mia storia e quella della mia famiglia sono legate all’acciaio. Mio padre, all’interno dell’Italsider, era la matricola 16. In pratica ha visto nascere e crescere il sito industriale di cui è stato il più giovane dirigente. E poi proprio dentro l’Italsider ha conosciuto mia madre che si trasferì da Genova a Taranto».

Un’emigrante al contrario…
«Proprio così. Molti dimenticano che Taranto fu l’unica città di immigrazione del Meridione, riuscendo a far tornare in città molti suoi emigrati».

(Angelo Mellone intervistato su La Gazzetta del Mezzogiorno)

E ora? Secondo lei siamo al punto di non ritorno?
“Siamo nell’anticamera del punto di non ritorno. E abbiamo al governo due forze politiche che sul tema hanno detto cose opposte. A forza di rimandare la palla la partita finirà, qualcuno dovrà fare marcia indietro. Non si può scherzare con una cosa così enorme. Non si può affidare l’Ilva alle campagne elettorali, ai santini e ai santoni. I più razionali sono stati accusati di essere collusi, pagati. Ora si dia voce solo ai competenti».

Di tutto il chiasso e la propaganda di queste ore…
Non resterà nulla. Bisognava costringere chiunque gestisse lo stabilimento ad applicare il piano ambientale che è ferocissimo. Ma il tema è che non si bonifica entro dopodomani».

Lei scrive: «Racconto fatti veri non ancora accaduti».
Ho scritto di un futuro distopico, che ora è un presente distopico.

(Angelo Mellone intervistato da Simona Brandolini sul Corriere del Mezzogiorno)

Chi ha brillato per pressapochismo?
“Ci sono responsabilità storiche. Ci voleva un patto per l’acciaio pulito, ma al tempo dei social si insegue la soluzione immediata. Impossibile in questo caso. Costruire il futuro ambientalizzato della fabbrica richiede anni di impegno e il recupero dello spirito costruttivo di una città dell’innovazione. L’opposto dell’attuale laboratorio della paura.”

(Angelo Mellone intervistato sulla Gazzetta del Mezzogiorno)

Nel romanzo ci sono tantissimi personaggi, c’è anche molta televisione. E molta narrazione o forse nostalgia della destra politica. È il mondo di Angelo Mellone?
“Sì, è Claudio pensa più 0 meno come me. Il libro è scritto come una sceneggiatura e già sto pensando di portarlo in immagini. Ci sono tante delle dinamiche politiche che ho conosciuto, ma soprattutto c’è una critica alla contemporaneità. Mi sono molto occupato di quello che si chiama effetto wrestling, ovvero la virtualità che nega la realtà. Credo che nella vicenda del Siderurgico ci sia molto effetto wrestling”.

(Angelo Mellone intervistato da Carlo Cambi su La verità)

Video

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione

ActionAid e le case editrici del Gruppo Mondadori insieme per garantire il diritto all’istruzione a 1.800 bambine e bambini in…

Voce all'autore: la scrittura di Nora Venturini tra gialli, teatro e televisione

Gialli, sceneggiature, Roma e una tassista detective: entra nel mondo di Nora Venturini La scrittura di Nora Venturini si muove…

Voce all'autore: gli anni di piombo nel nuovo giallo di Piero Colaprico

Uno psichiatra ucciso, la Milano da bere, gli anni di piombo. Piero Colaprico ha scritto un nuovo giallo. Si intitola Anello di…

Oroscopo 2020: leggere le stelle con Branko e Simon & the Stars

Oroscopo 2020: leggi il nuovo anno tra le stelle Come sarà il 2020?  Si avvicina quel momento dell'anno in cui…

Voce all'autore: Dario Crapanzano racconta Il furto della Divina Commedia

Chi ha rubato la Divina Commedia? Tutto ruota attorno a un libro, nel nuovo romanzo giallo di Dario Crapanzano, ultimo…

Il ritorno all'Antica Roma di Valerio Massimo Manfredi

Avanzava nella steppa numidica una carovana scortata da venti soldati a cavallo in tenuta leggera e altrettanti legionari che avevano…

Voce all'autore: Giancarlo De Cataldo racconta Quasi per caso

Giancarlo De Cataldo e l'amore per il giallo storico Giancarlo De Cataldo è tornato con un nuovo giallo: Quasi per…

Perché un romanzo Per sole donne? Ce lo racconta Veronica Pivetti

Astenersi puritani e persone sensibili. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Ah, astenersi anche perditempo, of course! Quello di Veronica…

'Per te' di Francesco Sole: una storia d'amore, eros e poesia

Il nuovo romanzo poetico di Francesco Sole Il nuovo libro di Francesco Sole, Per te, si apre con le parole…

I nostri autori a Lucca Comics & Games 2019

Lucca Comics & Games 2019: dal 30 ottobre al 3 novembre l'evento più atteso dagli amanti del fantastico Si avvicina QUEL momento dell'anno,…

Dal libro al film: 'Il mistero Henri Pick' arriva al cinema

Sul fatto che Il mistero Henri Pick fosse un libro dall’alto potenziale narrativo (non solo letterario) non avevamo dubbi. Ma…

'Una gran voglia di vivere': il nuovo romanzo di Fabio Volo

Il viaggio dentro una crisi Nella vita di una coppia che si credeva capace di mantenere le promesse, un giorno arrivano i dubbi.…

Fino alla fine

Angelo Mellone

Fino alla fine

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804712206
516 pagine
Prezzo: € 21,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 24 settembre 2019

Disponibile su:

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788852097270
516 pagine
Prezzo: € 10,99
Formato: Ebook
In vendita da: 24 settembre 2019

Disponibile su: