Libro Dodici minuti di pioggia Manuela Kalì

Dodici minuti di pioggia

Alice vive sola con la sua gatta Blanca, progetta copertine di libri in uno studio di Milano e non è mai stata innamorata. Suo padre se n’è andato senza spiegazioni quando lei aveva solo sei anni e da allora non ha più voluto fidarsi degli uomini. Si può odiare qualcuno e al tempo stesso avere un disperato bisogno di lui? Alice, che da più di vent’anni convive con quest’assenza ingombrante, sa che si può.

Un mattino qualunque, mentre va al lavoro in scooter, assiste alla scena che segue un incidente: c’è un uomo a terra coperto da un telo bianco, da cui spunta solo una mano, grande, giovane e bella. Accanto al corpo, Alice nota un oggetto luccicante, che d’istinto raccoglie e porta via con sé: è una bussola antica su cui sono incise tre lettere, l’inizio di un nome.

L’immagine di quel lenzuolo bianco non le dà tregua, come se insieme allo sconosciuto fosse morta una parte di lei, mentre la bussola, dalla tasca, occhieggia come un talismano e la fa sentire protetta, a casa. Ogni mattina percorre la strada dell’incidente; quell’incrocio, magnetico, la chiama a sé. Finché un giorno, proprio nello stesso punto, perde il controllo dello scooter e cade malamente.

Oltre l’impatto, la accoglie un universo rarefatto e sospeso, uno spazio bianco fuori dal tempo, popolato di voci prive di corpo e di volti sconosciuti ma familiari, una terra che obbedisce a leggi ignote e straordinarie. Ed è proprio nella dimensione onirica del coma, il territorio dei Senza Nome, dove il cielo piange o si rasserena in accordo alle emozioni di chi lo guarda, che incontra Andrea, il proprietario della bussola, l’uomo che ha visto morire, e con lui, per la prima volta, il suo cuore si accende. Alice sarebbe disposta a sacrificare tutto pur di rimanere nel limbo insieme a lui, ma il mondo dei vivi non è ancora pronto a lasciarla andare…

Manuela Kalì, con la sua scrittura ispirata capace di lampi di luce e tuffi nel buio, percorre il corridoio oscuro che collega il nostro mondo e l’aldilà, per raccontare un amore che supera le leggi dello spazio e del tempo.

Manuela Kalì

Manuela Kalì, nata a Roma nel 1980, è una fotografa ritrattista che lavora nel campo della moda e della musica. I suoi scatti sono stati pubblicati su molte riviste, tra cui "Vogue", "Elle" e "Vanity Fair", ed esposti al Maxxi21 di Roma e all'Aurum di Pescara. Nel 2009 è approdata alla scrittura. Questo è il suo primo romanzo per Mondadori.


Libri dello stesso genere

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

Dodici minuti di pioggia

Manuela Kalì

Dodici minuti di pioggia

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804673347
192 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 21 febbraio 2017

Disponibile su: