Canto del popolo yiddish messo a morte

Canto del popolo yiddish messo a morte

Traduco il Canto di Katzenelson perché è il canto dei canti, il vertice in poesia dell’esperienza della distruzione. Shoà, parola presa dall’ebraico antico, è diventata formula ufficiale dello sterminio degli ebrei d’Europa. È termine ignoto alla maggioranza dei distrutti. Così come era loro ignoto il nome Auschwitz, casomai conosciuto come Oshventshim.
Noi venuti dopo ci siamo chinati sulle ceneri con parole nostre, successive. Nel Canto di Katzenelson c’è la vita feroce che vuole resistere con parole proprie e sceglie per resistenza la poesia. È lo yiddish, lingua veloce, franca, che scorreva dal Baltico al Mar Nero, dal Danubio agli Urali.
Katzenelson scrive il Canto nel campo di concentramento di Vittel, luogo rinomato per le sue acque. Proviene dal ghetto di Varsavia, da dove i partigiani lo hanno fatto evadere in tempo, prima dell’annientamento. Seppellivano documenti e mettevano in salvo poeti, micce per l’innesco della memoria futura.
È acciuffato in Francia con un improbabile visto per l’Honduras e messo nel filo spinato e nell’attesa. Non subito gli si rivela il compito. Di fronte allo smarrimento ignaro dei suoi compagni di prigionia, lui che ha saputo e visto si procura la materia prima per trasformare l’esperienza in Canto. Macché profeti, quelli non sapevano niente comparati a lui, tizzone preso dall’incendio, tenuto in disparte a scrivere a carbone contro il cielo lo yiddish dei distrutti. Dall’autunno del ’43 fino al gennaio seguente scrive il Canto e poi lo seppellisce dentro tre bottiglie tra le radici di una quercia, dietro il filo spinato di Vittel. In primavera sarà spedito a Est, nel treno sigillato che lo scaricherà sopra il binario morto di Birkenau/Brzezinska. Ho imparato lo yiddish per arrivare al Canto.

Itzak Katzenelson

Itzak Katzenelson nacque nel 1886 in Bielorussia ma trascorse la maggior parte della sua vita a Lodz, in Polonia. Per anni fu insegnante in un ginnasio. Scrisse, in ebraico e in yiddish, drammi, poemi, liriche. Il manoscritto del testo noto sinora in Italia come Il canto del popolo ebraico massacrato, sotterrato nel campo francese di Vittel e ritrovato nel 1945 grazie alle indicazioni della sopravvissuta Miriam Novitch, fu pubblicato per la prima volta a Parigi nello stesso anno.


Libri dello stesso genere

Tra le nebbie di un giallo padano: 'Gli invisibili' di Valerio Varesi

Ci sono persone che cercano la clandestinità e altre che la ottengono senza intenzione. Col silenzio, la solitudine e la…

Distopia e sinistri misteri: Robert Harris torna con un nuovo romanzo

Anno 1468. 
 Un viaggiatore solitario avanza con espressione preoccupata attraverso una landa selvaggia dell'Inghilterra sudoccidentale. Tutto è immobile, attorno neanche un'anima viva.…

Comix Games Classi 2020: la sfida è "Rima la trama"

Comix Games Classi 2020: rima la trama! La lettura, un po' come diceva Christopher McCandless nel film Into the wild, a volte è (più)…

Guinness World Records 2020: in Italia dal 17 settembre

Guinness World Record: una nuova edizione che celebra un decennio di imprese eccezionaliIl 17 settembre è la data da record che…

I nostri autori al Festival della Comunicazione di Camogli

Festival della Comunicazione 2019 Da giovedì 12 a domenica 15 settembre si tiene nella bellissima cornice di Camogli, in Liguria, la VI edizione…

Minecraft, Fortnite e Guiness World Records: i nostri consigli di libri da giocare

Mondi paralleli, record del mondo, esercizi di creatività I libri sono di per sé uno dei migliori modi di trascorrere il tempo, ma…

'Il lupo nell'abbazia': Marcello Simoni racconta il suo nuovo giallo medievale

Abbazia benedettina di Fulda, Anno Domini 832. Siamo in un mondo isolato, in cui si è costretti a nascondere ogni cosa. A nascondere…

Back to school: 'Sussidiario per genitori (con esercizi)' di Alex Corlazzoli

Genitori e figli sui banchi di scuola Il Back to school è il momento che ufficialmente segna l'inizio di un…

Festivaletteratura 2019: gli autori Libri Mondadori a Mantova

Sì, si avvicina di nuovo quel momento dell'anno.  Settembre, Mantova invasa di libri e di parole, la poesia delle strade…

Vasco Rossi: 'Non Stop - le mie emozioni dal Modena Park a qui'

Un racconto in presa diretta del tour di Vasco Rossi più emozionante di sempreMaggio 2019. Nella pioggia battente Vasco Rossi sta…

'I ragazzi della Nickel': il nuovo atteso libro di Colson Whitehead

In libreria il nuovo romanzo di Colson Whitehead, il "narratore d'America" Dopo La ferrovia sotterranea, il romanzo che gli è…

'Me' di Elton John: la prima autobiografia ufficiale dell'artista

Me di Elton John: il 15 ottobre in contemporanea mondiale e in Italia per Mondadori A pochi mesi dall'uscita di…

Canto del popolo yiddish messo a morte

Itzak Katzenelson

Canto del popolo yiddish messo a morte

Genere: Poesie e Critica letteraria
ISBN: 9788804584414
128 pagine
Prezzo: € 14,00
Formato: 11,5 x 18,6 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 20 gennaio 2009

Disponibile su: