Biografia non autorizzata della Seconda Guerra Mondiale

Biografia non autorizzata della Seconda Guerra Mondiale

«Sono sempre i vincitori a scrivere la storia e la seconda guerra mondiale non costituisce eccezione a questa regola. Ciò non significa che i vinti siano migliori dei vincitori, ma solo che tutte le nazioni coinvolte nel conflitto hanno i loro crimini ed errori da nascondere.» Marco Pizzuti ha un talento eccezionale: quello di non farsela raccontare. Quale che sia l’argomento, legge, ascolta, approfondisce, cerca riscontri, studia tutte le fonti disponibili e alla fine, ma solo alla fine, ci offre la sua personale visione della storia. Un’esplosiva ricostruzione che molto spesso si discosta parecchio da quella che tutti quanti, compresi gli autori dei testi scolastici, indicano come l’unica vera.

Anche in Biografia non autorizzata della seconda guerra mondiale Pizzuti ricostruisce e riporta alla luce pezzi di verità finora dimenticati o taciuti per convenienza, come i forti dubbi degli Alleati sul presunto suicidio di Hitler nel bunker di Berlino il 30 aprile 1945.

Alla luce di una serie di carte molto scottanti e poco note, da lui meticolosamente riordinate, Pizzuti dimostra come la grande industria e il sistema bancario statunitensi abbiano concretamente sostenuto la corsa all’armamento del criminale regime nazista, tanto che persino la rivista «Time» dedicò al Führer la copertina come uomo dell’anno nel 1938, tre anni dopo la promulgazione delle leggi razziali di Norimberga.

Altre verità brucianti: Dunkerque non fu una vittoria di britannici e francesi, bensì una disastrosa scelta strategica di Hitler, che fermò i suoi panzer a pochi chilometri dall’annientamento delle forze alleate; prima dell’aggressione tedesca del 22 giugno 1941, Stalin aveva elaborato un piano segreto per invadere l’Europa, così come l’attacco giapponese alla base statunitense di Pearl Harbor fu pretestuosamente provocato dall’amministrazione americana, che ne era a conoscenza da tempo e non esitò a mandare al massacro migliaia di soldati.

Ma è l’ultimo capitolo quello più scioccante, là dove Pizzuti ricorda l’inutile bombardamento che rase al suolo Dresda, la scomparsa di un milione di prigionieri tedeschi nei campi di prigionia alleati, le 240.000 donne tedesche stuprate dai soldati dell’Armata Rossa e altri efferati crimini commessi dalle truppe di liberazione ai danni dei civili liberati.

Un libro straordinario e coraggioso, che insinua numerosi e documentati dubbi sulla veridicità della storia ufficiale.

Recensioni

“Un testo appassionante per gli amanti della Storia, che si chiude indagando coraggiosamente anche sui crimini contro l'umanità commessi dagli Alleati, come le famose "marocchinate" avvenute in Italia. Nella consapevolezza che le efferatezze, in guerra, non appartengono mai a una parte soltanto.”

Alessandro Sansoni, "Il Giornale" 13 ottobre 2018,

Marco Pizzuti

Marco Pizzuti è nato a Roma nel 1971. Ex ufficiale dell'esercito, dottore in Legge, conferenziere, scrittore (oltre 200.000 copie vendute solo in Italia), ricercatore scientifico e sceneggiatore di cinema e teatro, ha lavorato presso le più prestigiose istituzioni dello Stato (Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Consiglio di Stato) ed è spesso ospite di trasmissioni radiotelevisive in qualità di opinionista e di esperto in controinformazione.


Video

Libri dello stesso genere

Michele Bravi: il tour del libro "Nella vita degli altri"

Il primo romanzo di Michele Bravi   Quanto c’è di noi nella vita di chi ci sta attorno? Quanto c’è…

Ricevi l'esclusivo albero genealogico della famiglia Targaryen

#aspettandofuocoesangue Dal 20 novembre in libreria il nuovo libro di George R.R. Martin che racconta la storia della dinastia Targaryen,…

I Medici: Lorenzo il Magnifico, il romanzo della serie tv

I Medici: la seconda stagione su Rai 1 Parte su Rai 1 il 23 ottobre la seconda stagione della serie tv…

Kekko Silvestre: il tour del libro "Cash"

Il primo romanzo di Kekko dei Modà Kekko Silvestre, frontman e cantante dei Modà, scrive il suo primo romanzo Cash.…

Nadia Murad premio Nobel per la pace 2018

Essere sopravvissuta a un genocidio porta con sé grandi responsabilità... Nadia Murad è una ragazza yazida, sopravvissuta alla persecuzione e alle…

Internazionale a Ferrara: scrittori da tutto il mondo

Torna "Internazionale" a Ferrara Dal 2007 il settimanale Internazionale organizza a Ferrara un festival di giornalismo: il primo weekend di ottobre…

I nostri autori a Pordenonelegge 2018

Dal 19 al 23 settembre 2018 Pordenonelegge è la Festa del Libro con gli autori del Nord Est d’Italia e vanta…

Premio Campiello: "Le vite potenziali" di Targhetta

Premio Campiello Sabato 15 settembre alle 20,45 in diretta televisiva su Rai 5 da Venezia, si terrà la 56° edizione del…

La storia di Palma Bucarelli diventa un docufilm

Il docufilm in onda il 16 settembre su Rai 3 Amata e odiata, adulata e criticata, conosciuta per la sua…

I nostri autori a "Il Tempo delle Donne"

Dal 7 al 9 settembre a Milano Da un'idea di La 27esima Ora e in collaborazione con Io Donna, Valore…

I nostri autori al Festivaletteratura di Mantova

Dal 5 al 9 settembre Ogni anno dal 1997, Mantova è la sede del Festivaletteratura, uno degli appuntamenti culturali italiani…

I nostri autori al Festival della Comunicazione di Camogli

Festival della Comunicazione 2018 Da giovedì 6 a domenica 9 settembre si tiene nella bellissima cornice di Camogli, in Liguria,…

Biografia non autorizzata della Seconda Guerra Mondiale

Marco Pizzuti

Biografia non autorizzata della Seconda Guerra Mondiale

Genere: Storia, Tecnologia e Scienze
ISBN: 9788804688808
372 pagine
Prezzo: € 17,90
Formato: 14,0 x 21,5 - Brossura con alette
In vendita da: 4 settembre 2018

Disponibile su:

Genere: Storia, Tecnologia e Scienze
ISBN: 9788852088841
372 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 4 settembre 2018

Disponibile su: