Mimmo Cuticchio

Mimmo Cuticchio

Mimmo Cuticchio, erede diretto e attento interprete della tradizione palermitana dell’Opera dei Pupi, ha saputo innovare un’arte che sembrava destinata a inesorabile decadenza, diventando una delle voci più autorevoli del teatro italiano contemporaneo nel mondo. Raccolta l’eredità del padre Giacomo, che aveva aperto a Palermo il suo primo teatro nel 1933, Cuticchio comincia negli anni Settanta l’attività di puparo e oprante con i suoi spettacoli itineranti. Nel 1977 dà vita all’Associazione Figli d’Arte Cuticchio e insieme all’arte antica del cunto – il racconto orale delle gesta dei paladini – si apre a un tenace lavoro di reinvenzione che contribuisce al riconoscimento conferito dall’Unesco all’Opera dei Pupi come parte del Patrimonio orale e
immateriale dell’umanità. Ha pubblicato, fra l’altro, Il “Cunto” (Liguori, 2011) e Alle armi, cavalieri! (Donzelli, 2017).

Altri libri dello stesso autore

Mimmo Cuticchio