Martin Heidegger

Martin Heidegger

Martin Heidegger (1889-1976) è una delle personalità più complesse e discusse del Novecento; la sua formazione culturale e spirituale si è compiuta dapprima nel seno della chiesa cattolica e in seguito, dopo la rottura con il cattolicesimo, alla scuola fenomenologica del maestro Edmund Husserl e di Karl Jaspers, col quale ha intrattenuto una lunga amicizia filosofica.
Negli anni Venti e Trenta il suo rivoluzionario insegnamento ha suscitato gli entusiasmi di un’intera generazione di giovani filosofi tedeschi, tra cui Hans-Georg Gadamer e Hannah Arendt, con la quale ha intrecciato un’intensa generazione di giovani filosofi tedeschi. L’elezione di Heidegger a rettore dell’università di Friburgo nel 1933 e la sua ambigua adesione al regime nazista hanno segnato un autentico spartiacque nella vita del filosofo, divenuto nel dopoguerra l’imputato esemplare di un processo di epurazione che ha avuto un’eco molto vasta anche al di fuori della Germania. Fino alla morte Heidegger si è dedicato instancabilmente alla causa della propria riabilitazione.

Altri libri dello stesso autore

Martin Heidegger