Martin Buber

Martin Buber

Martin Buber (Vienna 1878-Gerusalemme 1965) filosofo e narratore tedesco di origine ebraica. Discendente da una famiglia rabbinica galiziana legata al movimento mistico-popolare del chassidismo, passò l’infanzia a Leopoli presso il nonno Solomon Buber (1827-1906), uno dei più illustri critici e editori della letteratura midrashica. Frequentò poi le università di Vienna, Lipsia, Zurigo e Berlino, dove fu allievo di W. Dilthey e G. Simmel, oltre che lettore attento di L. Feuerbach, S. Kierkegaard e F. Nietzsche.

Alla giovinezza di Buber risale il suo interesse per il chassidismo, al quale si accostò per un’attenzione dapprima letteraria, divenuta progressivamente una profonda adesione spirituale. Le opere volte a far conoscere il chassidismo si collocano in un arco di oltre cinquant’anni, e sviluppano, in forma ora narrativa, ora documentaria e antologica, ora saggistica, il cosiddetto neochassidismo di Buber.

L’influsso di Buber è stato notevole in pensatori cristiani come G. Marcel e P. Tillich (a sua volta è presente un influsso cristiano in Buber): egli fu del resto uno dei pensatori ebrei, accanto a Rosenzweig, che più legittimarono il cristianesimo come via di redenzione.

Altri libri dello stesso autore

Martin Buber