‘Ti regalo le stelle’: il nuovo emozionante romanzo di Jojo Moyes

di Redazione Libri Mondadori

Questo libro, più di qualsiasi altra cosa io abbia mai scritto, è stato un atto d'amore. Mi sono innamorata di un posto, e della sua gente, e poi della storia che ne è scaturita, e questo ha reso la scrittura una gioia insolita.

Cinque donne, cinque personaggi indimenticabili

Partiamo dalla fine - dai ringraziamenti di Jojo Moyes - per raccontare Ti regalo le stelle, il nuovo atteso romanzo dell'autrice di Io prima di te.
È qui che si parla di questo libro come di un atto d'amore verso un luogo e la sua gente. Ma non solo: è un inno alle donne, all'amicizia e alla solidarietà femminile, al potere della letteratura


Jojo Moyes

Siamo nel Kentucky del 1937, l'America ha il volto della Grande Depressione.
A Baileyville, un paesino incastonato tra le montagne, si è trasferita Alice Wright, una giovane inglese che ha lasciato la sua terra per seguire il marito Bennett, americano.
Quella che sembrava la prospettiva di una nuova entusiasmante vita ha ben presto lasciato il posto a un'esistenza monotona; il matrimonio ha già perso ogni slancio, anche a causa della presenza di un suocero invadente.
Scappando dalla sua vita precedente Alice ha semplicemente scambiato una prigione domestica per un'altra.


La nascita delle bibliotecarie a cavallo


La svolta arriva inaspettatamente durante un'assemblea comunale, quando Alice scopre che nella contea sta per essere costituita la WPA Packhorse Library, una biblioteca ambulante che verrebbe dalle donne del luogo.
È un progetto che rientra nel piano di rinnovamento sociale lanciato da Franklin Delano Roosevelt e da Eleanor Roosevelt. Per risollevarsi il paese ha bisogno sì di risorse economiche, ma anche di libri.
Anche Baileyville deve quindi dare il proprio contributo alla causa scegliendo nella sua comunità alcune donne da mandare a cavallo in giro per le valli per diffondere la cultura nelle zone più povere e irraggiungibili.

La cosa suscita non poche obiezioni, soprattutto tra gli uomini. Donne? Da sole in giro per le valli? E perché portare i libri dove manca persino da mangiare?

Alice, però, non ha dubbi, si "arruola" senza esitazione nel gruppo delle bibliotecarie guidato da Margery O’Hare, una donna volitiva, libera da pregiudizi, figlia di un noto fuorilegge. Una persona molto diversa da Alice: autonoma e fiera e decisa a non dipendere mai da nessuno.

Ti regalo le stelle è la storia di Alice, Margery e delle altre donne della WPA Packhorse Library che, cavalcando nelle terre selvagge del Kentucky,
porteranno i libri a persone che non ne hanno mai visto uno.
E nel farlo condurranno se stesse sempre più lontano.

Gli ingredienti del nuovo romanzo di Jojo Moyes


1. DONNE FORTI, ALLA RICERCA DI SE STESSE
Noi donne affrontiamo molte sfide inaspettate quando scegliamo di uscire da quelli che sono considerati i nostri confini abituali.

Le donne di Jojo Moyes sono leali, coraggiose, disposte a mettersi in gioco. Dalla più indipendente alla più timida, hanno tutte la forza di sfidare pericoli di ogni genere e la disapprovazione dei loro concittadini per seguire una missione.
Laddove mariti, fratelli e padri cercano di restringere i loro orizzonti, ecco che cavalcano sempre più lontano per allargarli. Ognuna di loro, con le sue caratteristiche peculiari, sorprende, diverte e commuove.
Non sono solo personaggi del Kentucky degli anni '30: idealmente sono donne di ogni epoca e latitudine che lottano per definire se stesse. Per questo possono essere un punto di riferimento fondamentale anche per le donne contemporanee che non accettano di porsi limiti legati al pregiudizio altrui.


2. UNA PAGINA DI STORIA APPASSIONANTE
«Bene, io penso che questa non sia affatto un'idea saggia» disse George Simmonds.«E domani stesso scriverò al governatore Hatch per riferirgli come stanno le cose. Credo che mandare in giro delle donne da sole sia di sicuro la via verso il disastro. E non vedo nient'altro se non il rischio di fomentare pensieri irriverenti e comportamenti sbagliati con questa iniziativa malsana, non c'è first lady che tenga.»

La storia delle bibliotecarie della WPA Packhorse Library è direttamente ispirata alle Horse-Riding Librarians della Grande Depressione, donne che ebbero un ruolo fondamentale nella diffusione della cultura e della crescita sociale.
Nel 1930, più del 31% della popolazione del Kentucky orientale non sapeva leggere; nel 1936 le bibliotecarie a cavallo avevano raggiunto 50.000 famiglie e nel 1937 155 scuole pubbliche. Il lavoro delle librarians ebbe degli effetti positivi soprattutto sui bambini, dando loro occasioni di crescita e apprendimento, regalando loro un futuro.


3. AMICIZIA E SOLIDARIETÀ
«Cosa state combinando voi due?»
Izzy e Beth alzarono la testa di scatto quando Margery entrò sbattendo gli stivali infangati sul pavimento, cosa che più tardi avrebbe senz'altro fatto infuriare Sophia. Beth non riusciva a smettere di ridere e le guance di Izzy erano in fiamme. Alice, seduta alla scrivania, annotava i prestiti sul registro fingendo di ignorarle.


Alice, Margery, Beth, Izzy e Sophia crescono con il progredire del loro legame che conosce anche diffidenza, scontri e difficoltà ma che alla fine diventa sempre più forte.
Ti regalo le stelle è una celebrazione dell'amicizia e della solidarietà femminile in tutte le forme, una storia in cui molti lettori potranno riconoscere i propri legami più veri.


4. AMORE PER LA LETTURA
«Miss, mio marito, ecco, lui ama leggere ma la sua vista non è buona, specialmente nella penombra, e per essere sincera, fa fatica a concentrarsi per via del polmone nero. Soffre molto, quasi tutti i giorni. Potrebbe leggergli qualcosa?»
«Sentir leggere lo distrae. Io non posso farlo perché devo badare alla casa e al bambino piccolo, e in più ho la legna da tagliare. Non glielo chiederei, ma l'altra settimana Margery l'ha fatto, e se lei potesse dedicargli mezz'ora, solo per leggergli un capitolo di qualcosa, bé... vorrebbe dire moltissimo per tutti e due.»

I libri sono, insieme alle bibliotecarie a cavallo, i grandi protagonisti di questo romanzo. Silenziosamente arrivano nei luoghi più nascosti, vincono le diffidenze e la paura.
Sono strumenti fondamentali di crescita (e di vera e propria salvezza in certi casi!). Jojo Moyes scrive una storia che a ogni pagina fa venire voglia di leggere, di scoprire, di perdersi nelle storie.


5. UNA CAVALCATA IN KENTUCKY
Alice tentò di adattarsi alla vita in quella piccola cittadina del Kentucky. Era un bel cambiamento culturale. Se si impegnava, riusciva a cogliere una certa bellezza ruvida nel paesaggio, con quei cieli enormi, le strade deserte e la luce cangiante, le montagne ricoperte da migliaia di alberi le cui cime erano sfiorate dal volo delle aquile e boschi dove vagavano orsi veri.

Le protagoniste del romanzo di Jojo Moyes ci portano a cavallo tra le terre del Kentucky, una terra dagli immensi pascoli e dai sentieri serpeggianti, un luogo non facile e accogliente, ma dal grande fascino.
La montagna è la quinta scenica ideale per una storia appassionante le cui pagine volano coinvolgendo e commuovendo il lettore. È una metafora del pregiudizio e degli ostacoli che le bibliotecarie incontrano, rappresenta l'impresa che con coraggio hanno compiuto

Ti regalo le stelle

Jojo Moyes

1937. Quando Alice Wright decide impulsivamente di sposare il giovane americano Bennett Van Cleve, lasciandosi alle spalle la sua famiglia e una vita opprimente in Inghilterra, è convinta di iniziare una nuova esistenza piena di promesse e avventure nel lontano Kentucky.

Presto però le sue rosee aspettative e i suoi sogni di ragazza si scontrano con una realtà molto diversa. Costretta a viver...

Scopri di più

Cosa dicono i lettori che lo stanno leggendo


What a wonderful story! Jojo Moyes has done it again. 

Reading The giver of stars was like the joy of taking in the breadth of an intricate oil painting and zooming in on the minute whorls and dabs of colors that made up the detail work.

This is such a powerful story of women facing adversity and how they all pulled together to make their life better.

As a librarian, I appreciated reading about the Packhorse Librarians standing up to naysayers who wanted to shut down their services.

I am so grateful that Jojo Moyes wrote this book because it touched me so deeply.

Se avete voglia di leggere una storia che sappia attraversarvi l'anima, che vi parli in modo diretto e disarmante di argomenti forti che non devono mai essere dimenticati, beh, penso che il nuovo romanzo di Jojo Moyes faccia al caso vostro (Il regno dei libri)

Un libro emozionante, con una scrittura superba, ricca di descrizioni particolareggiate ed estremamente evocative. (Aria's Wild)

Ho apprezzato molto il modo in cui l’autrice ha messo in risalto i punti di forza di ogni donna e mostrato il loro sostenersi a vicenda e il loro acquisire sicurezza e coraggio dall'essere vicine, rialzandosi e traendo forza l’una dall'altra. (The Reading's Love)

Bisogna avere coraggio e Alice, Margery e tutte le altre donne ne hanno da vendere. Il coraggio è osare ed evolversi, l'ignoranza è vigliaccheria.
Il coraggio può andare a galoppo su un asino, passare fra le pagine di un libro che viene prestato dalla libreria del paese, finire fra i sorrisi e gli abbracci e aiutare nei momenti di bisogno di chi ne ha bisogno. (La testa fra i libri)

Ancora oggi le donne che si autodeterminano fanno paura e generano diffidenza. Ancora oggi, e non solo nei piccoli centri minerari sperduti tra le montagne del Kentucky, una donna che decide per sé stessa è guardata con disapprovazione. (Il club delle lettrici compulsive)

Montagne e paesaggi selvaggi mi hanno lasciato addosso un senso di libertà enorme. (Leggendo romance... e non solo)


Visualizza questo post su Instagram

Have I signed enough books yet? #thegiverofstars

Un post condiviso da Jojo Moyes (@jojomoyesofficial) in data:

Scopri tutte le appassionanti storie di Jojo Moyes