‘Morgana’ di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri

Dieci donne che hanno spostato in avanti i confini della libertà femminile

di Redazione Libri Mondadori

In questo libro ci sono donne che la sindrome di Ginger Rogers non l’hanno mai avuta e ai loro traguardi ci sono arrivate lo stesso. Sono mistiche guerrafondaie, fantasmi che si aggirano nella brughiera, bambine ciniche, pornostar col cervello, atlete scorrette, regine del circo della vita, stiliste straccione, estremiste della ferita come arte, architette senza compromessi e icone trasgressive contro tutti i canoni.

Sono le Morgane di
Michela Murgia e Chiara Tagliaferri


È facile parlare di donne oggi e infatti lo fanno tutti. Rimane difficile però farlo forzando gli schemi del pregiudizio, che ancora resistono nel bene e nel male. Purché rientrino in una categoria che può essere circoscritta, spiegata e quindi controllata, per loro il riconoscimento c’è e sono rimasti in pochi a pensare che possano essere solo puttane o spose (anche se qualcuno di tanto in tanto prova a riportare indietro le lancette della storia).

Se però sono aumentati i modi accettati in cui le donne possono esistere come persone, molti altri sono ancora considerati discutibili, qualche volta dalle donne stesse.
Ci sono ancora modi “giusti” o “sbagliati” di essere artiste, professioniste, politiche, atlete, donne che fanno figli e donne che scelgono di non farli. Ci sono persino modi “giusti” e modi “sbagliati” di essere femministe. 


È ancora sovversivo affermare che le donne, in qualunque modo scelgano di declinarsi, non sono giuste né sbagliate, ma semplicemente sé stesse. Per questo è importante raccontare le storie di quelle che delle etichette si sono disinteressate, dando forma a vite fuori da ogni binario, strane, rivoluzionarie o anticonvenzionali. Lo hanno fatto Michela Murgia e Chiara Tagliaferri con Morgana, un libro che racconta dieci straordinarie storie di donne. Rivolte ai lettori di qualsiasi genere ed età, sono loro le eredi della Morgana leggendaria di Artù, l'incantatrice strega o fata, temibile e amabile sempre allo stesso tempo.

 

Un libro che trae spunto dal podcast dei record Morgana di StorieLibere.fmrivisitandolo in modo inedito.


Le reazioni delle persone alle storie del podcast Morgana sono state straordinarie. Il solo fatto di raccontare per un anno vicende umane fuori dagli schemi ha suscitato in chi ascoltava la voglia di raccontare la propria, dando valore alle scelte di rottura, di anticonformismo e di coraggio che nella vita si sono pagate più care. Se uscire dalla norma è quel che fanno le donne Morgana, allora Morgana lo siamo un po’ tutte e tutti, perché il giudizio su come sia giusto o sbagliato vivere è caduto almeno una volta addosso a chiunque non si sia attenuto a quello che la maggioranza considera “normale”.

Michela Murgia e Chiara Tagliaferri hanno scritto insieme il podcast e questo libro, parlando a lungo del concetto di “Morgana”, condividendo spunti e pensieri e confrontandosi appassionatamente su quali vite inserire nella raccolta e sul perché. A dare il volto a queste rivoluzionarie Morgane ci ha pensato MP5 che ha firmato gli artwork interni e di copertina, con i magnetici bianco, nero e rosso che si rincorrono dando forma a dieci donne che per pronunciare il a se stesse hanno dovuto dire no a tutto il resto.

Chi è Morgana?


Morgana è chiunque, donna, uomo o altro, che decida di vivere senza porre freno alla propria libertà. Costi quello che costi: solitudine, condanne, rifiuti, perdite inclusi.
Morgana è chi prende le distanze dalle regole acquisite per seguire quelle della propria natura.
Morgana è chi non vuole carte d’identità imposte da altri, ma rivendica il diritto di essere solo se stesso.
Morgana la maggior parte delle volte significa anche strano, difficile, non convenzionale, rivoluzionario, misterioso, persino stronzo.
Morgana scrive la propria storia perché non vuole che altri mettano i punti nei punti sbagliati.


#morganasonoio
: racconta il tuo atto eversivo


Morgana sono tutti e tutte coloro che leggono queste storie per farsene ispirare nella propria. 
Per questo le autrici invitano lettori e lettrici a raccontare con l'hashtag #morganasonoio un episodio, un incontro o un fatto che ha modificato per sempre le loro vite, uno di quei momenti fondativi in cui ci si è sentiti diversi e diverse facendo di testa propria in libertà e prendendo lo scarto di binario che ha fatto sì che il viaggio da quel momento non fosse più lo stesso.

Condividendo su Facebook e Instagram con #morganasonoio il proprio atto eversivo, quello che ti ha reso una Morgana, fino all’11 ottobre potresti ricevere la maglietta e la shopper di Morgana.
Scopri tutte le informazioni sull'iniziativa qui: Regolamento-Morgana.

http://

Dieci Morgane


Il libro racconta le storie di dieci donne che sono Morgane per motivi diversi, tutte “sorelle” ma tutte a loro modo "figlie uniche”. 
“Sono state attaccate, disprezzate, condannate, additate, e se i tempi fossero stati diversi sarebbero state probabilmente tutte bruciate. Le loro non sono storie edificanti, ma di sicuro sono educative", dicono ancora Michela Murgia e Chiara Tagliaferri nell’introduzione, con una dichiarazione di intenti che sembra dire al lettore: “siediti comodo e fai tua la rivoluzione delle Morgane”:


MOANA POZZI
Accusata di essere una donna oggetto, è al contrario colei che nessuno è riuscito a possedere veramente. Delle pulsioni ha scelto di fare un mestiere, in un’Italia disposta ad accettare solo donne sante. Ma a lei non interessa altro che ardere di passione, “essere eterna, non finire mai”.


CATERINA DA SIENA
Guidata da una fede originaria, quasi primitiva, è una donna che a metà del Trecento si siede accanto a capi di stato e di anime, senza paura di parlare, di influenzare, di guidare.

GRACE JONES
La pantera dall’energia feroce, capace di trasformare tutta la paura avuta nell’infanzia in uno show ad alta tensione che scaglia come un anatema sul suo pubblico.
Che canti, balli, sfili o reciti, lei spiazza ruggendo la propria integrità.


SORELLE BRONTË
Pioniere inconsapevoli, dalla provincia contadina più estrema sono capaci di scardinare tutti i confini in cui la donna è stata relegata, influenzando generazioni e generazioni di scrittori e scrittrici.
Non si accontentano di osservare il mondo, vogliono farne furore e poesia.


MOIRA ORFEI
La regina del circo, nata in una carovana e nomade nell’animo, donna monumentale capace di usare la femminilità più canonica in esibizioni esplosive, nello show e non solo.

TONYA HARDING
L’atleta del magico triplo axel, capace di passare dai miracoli di equilibrio e controllo sulla pista di ghiaccio alle rovinose cadute nella vita.
Icaro del pattinaggio artistico, è andata troppo lontano fino a bruciarsi. Una donna che impara ad amarsi molto tardi, ma per fortuna non troppo tardi.


MARINA ABRAMOVIĆ

Fa dell’inquietudine la materia prima del proprio lavoro, una guerriera sopravvissuta a conflitti che hanno lasciato cicatrici e ferite da cui entra la luce e la bellezza dell’arte.
Non ha mai paura di distruggere e distruggersi perché solo così, ne è convinta, si può trascendere il tempo.


SHIRLEY TEMPLE
Enfant prodige plasmata per incarnare un’infanzia irreale a misura di adulto.
Bambina senza infanzia che solo da grande inizia a ringiovanire, in bilico tra i sogni da cinema e una realtà senza riccioli d’oro.


VIVIENNE WESTWOOD
La stilista anarchica che con i tagli sui suoi vestiti prova a squarciare il buoncostume. 
La donna sui tacchi alti, quella che nel dubbio “è sempre meglio esagerare”, diventata un classico senza mai smettere di essere avanguardia.


ZAHA HADID
L’architetta “nata per superare costantemente le frontiere”. 
Dove gli altri vedono progetti impossibili lei vede concetti, forme e nuovi angoli di espressione.
Come Jules Verne, immagina qualcosa che non esiste, ma esisterà. 
Una donna convinta che l’unica rivoluzione sia la dimostrazione del proprio talento.

Incontra Michela Murgia e Chiara Tagliaferri



SETTEMBRE

21 settembre Pordenone,
PordenoneLegge. Spazio Ascotrade, ore 15.30
22 settembre Reggio Emilia. Chiostri di San Pietro, ore 16.30
22 settembre Parma. Labirinto della Masone, ore 20.30
29 settembre Brescia. Librixia, ore 16.00 

OTTOBRE

6 ottobre Firenze. Eredità delle Donne, Manifattura Tabacchi, ore 16.30
6 ottobre Bologna. LabOratorio San Filippo, ore 21.00
12 ottobre Torino. Circolo dei Lettori, ore 18.00
13 ottobre Roma. InQuiete Festival
19 ottobre Cagliari. Teatro Ts'E ore 18.30
27 ottobre Milano. Teatro Franco Parenti, ore 20.30


NOVEMBRE

2 novembre Pisa e Pietrasanta (dettagli in definizione)
23 novembre Roma. Libreria I Granai, ore 12.00


 

 

 

 

 

Ascolta e i podcast di Morgana su StorieLibere.fm

Morgana

Michela Murgia, Chiara Tagliaferri

Controcorrente, strane, pericolose, esagerate, difficili da collocare. E rivoluzionarie. Sono le dieci donne raccontate in questo libro e battezzate da una madrina d'eccezione, la Morgana del ciclo arturiano, sorella potente e pericolosa del ben più rassicurante re dalla spada magica. Moana Pozzi, Santa Caterina, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Sh...

Scopri di più