News

Gianluca Nicoletti e il successo di "Una notte ho sognato che parlavi"

Video Icon

Gianluca Nicoletti e il successo di "Una notte ho sognato che parlavi"

Gianluca Nicoletti si è messo in gioco con grande sincerità ed emotività nel suo libro Una notte ho sognato che parlavi, in cui racconta per la prima volta la sua straordinaria esperienza di padre di un ragazzo autistico. Un libro dolce-amaro che affronta con disincanto un tema – l’autismo – che interessa oggi in Italia 400.000 famiglie.

Non sembra quindi un caso che questo esordio abbia raggiunto ormai le 30.500 copie vendute e sia alla sua sesta edizione a neanche tre mesi dalla sua uscita in libreria; in più nelle ultime 4 settimane il libro è in classifica nella top ten per il genere Non Fiction. Un altro dato interessante, per quanto riguarda invece il mondo digitale, sono gli ottimi risultati di download della versione ebook di Una notte ho sognato che parlavi.

Abbiamo quindi chiesto al giornalista di Radio 24 se si aspettava un così grande riscontro di pubblico e che cosa è cambiato, nella sua vita ma anche in quella di suo figlio Tommy, da quando il loro libro è uscito. Ecco cosa Gianluca Nicoletti ci ha risposto:

«Non avrei mai pensato di vedere Tommy firmare decine di copie del libro che parla di lui, come se fosse un consumato autore di grido, con quel misto di compiacimento e nonchalance di chi sia abituato a quel genere di liturgia.
Da parte mia ho un bel lavoro in più: sto cercando di onorare il mio impegno a mandare dediche elettroniche a chiunque me l'avesse chiesto, confesso che sono indietro di centinaia... Ma ci sto lavorando: www.miofiglioautistico.it/dediche.
Mi stanno pure arrivando, come era da immaginare, un'infinità di testimonianze di altri genitori che si sentono "raccontati" finalmente nel loro reale quotidiano, accanto ai loro figli e senza aver più voglia e coraggio di guardarsi allo specchio e vedere come il tempo stia divorando velocemente la loro vita. Certo non è mai tutto così funesto... Altri messaggi ci mettono addosso ottimismo e allegria!: "Buongiorno Gianluca! Finalmente ho finito di leggere il tuo libro" scrive una lettrice. "L'ho spizzichettato piano piano, come si fa per le cose che vuoi gustare bene sotto il palato per individuarne meglio ogni ingrediente e ogni stimolo ai propri sensi."
Tommy e io non chiediamo di meglio che lo" spizzichettamento" di chi ci legge, serve a stimolare i sensi, per sentirsi vivi, per darsi da fare a costruire la nostra "Insettopia", per non mollare mai alla tentazione di sentirsi soli e alla deriva».

  • foto
  • foto-2
  • foto-1
  • foto-3
Libri collegati

Commenti

Gianluca Nicoletti ringrazia i lettori di "Una notte ho sognato che parlavi"