• Troppo napoletano
  • "Quante volte i miei concittadini sono stati segnati da un fatidico e superficiale commento: 'Sei troppo napoletano'. Scusate, ma che razza di giudizio è? C'è un'unità di misura per stabilire i livelli di napoletanità? e poi, senza cadere nel vittimismo, perché questo metro di valutazione viene applicato sempre e solo a noi? Io non ho mai sentito dire, nei confronti di altri popoli o nazioni, quello che viene detto a noi. Avete mai sentito qualcuno dire: 'Sei troppo svedese'? oppure: 'Guaglió, tu sei troppo hawaiano'? Io ho rispetto per le radici, e mi piace l'idea che ognuno possa coltivare le proprie tradizioni. Col passare del t...

  • Continua +
1163 92 3188

Autore

  • Alessandro Siani
  • Alessandro Siani

  • Alessandro Siani (Napoli, 1975) è attore comico, sceneggiatore e regista. Ha sbancato i botteghini con Benvenuti al Sud, Benvenuti al Nord, Il principe abusivo e Si accettano miracoli. Per quest'ultimo film si è classificato al primo posto nella Power List 2015 del cinema italiano. Ha collezionato sei Biglietti d'Oro, riconoscimento assegnato ogni anno ai film con maggior numero di spettatori. Riempie i teatri italiani con i suoi show. I suoi libri sono diventati bestseller. Sta per esordire come produttore cinematografico con il film Troppo napoletano, storia di un bambino del quartiere Sanità che si innamora di una bambina "altolocata" di Posillipo. Con Mondadori ha pubblicato Non si direbbe che sei napoletano (2011) e L'Italia abusiva (2013).

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere