• Omicidi in pausa pranzo
  • Francesca Zanardelli sta per affrontare il solito pomeriggio in ufficio. È davanti allo specchio del bagno, con in mano lo spazzolino da denti, quando intravede due piedi sbucare da sotto la porta del w.c. Per terra c'è il cadavere di Marinella Sereni, la sua insopportabile compagna di scrivania! Qualcuno l'ha strozzata con una corda bianca, rimasta ancora intorno al collo, per poi ricomporre perfettamente il cadavere, come se fosse già pronto per entrare nella bara. E lo strano delitto è avvenuto... mentre tutti erano in pausa pranzo. Francesca diventa così la principale testimone nelle indagini sulla morte della collega, affidate alla ...

  • Continua +
1176 119 47469

Autore

  • Viola Veloce
  • Viola Veloce

  • Viola Veloce è una vera impiegata milanese che ha deciso di usare uno pseudonimo sulla Rete. Questa è la biografia pubblicata sul suo blog: «Detesto quelli che ti raccontano tutto: com'erano simpatici i nonni, come sono ancora cattivi la mamma e il papà, e gli orribili o meravigliosi - scegliete voi - ricordi delle vacanze di quando erano bambini.
    Ma le "due note bio" ci vogliono sempre.
    Ecco le mie: donna, impiegata, single di ritorno, figlio alle medie. Punto. Quando torno a casa la sera, dopo l'ufficio, metto un po' a posto, cucino qualcosa, infilo i piatti sporchi in lavapiatti, e poi faccio i compiti con mio figlio.
    Studiamo l'impero carolingio, le figure retoriche, i settori produttivi della Calabria: quella specie di macedonia confusa che sono i nuovi programmi delle medie. Poi, quando abbiamo finito, mi attacco al pc. Dove vado alle undici di sera, a Milano? E il ragazzino, lo lascio da solo? Certo che no. Basta, non ho altro da dichiarare».

Commenti

Viola Veloce, "Omicidi in pausa pranzo"

Altre edizioni
Dello stesso genere