Libro MemoRandom Anders de la Motte

MemoRandom

Il pubblico ministero Jesper Stenberg, in procinto di essere nominato ministro della Giustizia svedese, ha urgenza di chiudere la relazione con la sua giovane amante dalla pelle perfetta e bianchissima, e la chiude. Con un litigio violento, le urla, la porta che sbatte, la fretta di arrivare all’ascensore, di scendere al parcheggio sotterraneo e uscire con la sua costosa auto alla luce del sole, libero. Ma sulla salita della rampa accade quello che non doveva accadere: con uno schianto terrificante il corpo della ragazza gli sfonda il cofano. La sua amante Sophie si è buttata nel vuoto, centrandolo in pieno, uccidendosi. Stravolto, l’avvocato si guarda intorno, nessun testimone, nessuna telecamera, solo lui e il cadavere della ragazza. Lentamente fa retromarcia, parcheggia nel punto più buio del garage e fa una telefonata. Chiama un risolutore, uno che risolve i problemi. Anche il suo, dice lo sconosciuto. E così è. La macchina sparisce. Il cadavere viene ritrovato su una Volvo casualmente parcheggiata proprio sotto il balcone della ragazza. Nessuna traccia. Nessun coinvolgimento. Ma un prezzo da pagare c’è, dice lo sconosciuto nella seconda telefonata. Quanto? Chiede l’avvocato. Niente soldi, gli viene detto. Un semplice favore, l’identità di un informatore della polizia chiamato Janus. Facile, si dice l’avvocato, arrogantemente sicuro dei suoi contatti ad alto livello. Ma non così facile, si accorgerà presto, perché l’unico agente dell’intelligence che conosce il vero nome di Janus ha perso la memoria in seguito a un grave incidente e Janus è come l’antico dio romano dai due volti, non facilmente conoscibile.

Janus è colui che scatena tutte le guerre, è il Dio della Porta, colui che ha il potere sia all’interno che all’esterno, colui che raccoglie i segreti. Janus non è contattabile, e non contatta nessuno.

Siamo alle prime pagine di un thriller dall’intreccio “affascinante e complesso” (“Kirkus Review”) e che richiama, nel sofisticato gioco delle forze in campo e nel finale imprevedibile, il nome di John Grisham.

Anders de la Motte

Anders de la Motte è nato nel 1971. Ex ufficiale di polizia ed ex capo della sicurezza di una delle più grandi compagnie di informatica del mondo, è stato nominato dalla Swedish Academy of Crime Writers vincitore del Best Swedish Crime Novel of 2015.


Libri dello stesso genere

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

MemoRandom

Anders de la Motte

MemoRandom

Genere: Gialli e Thriller
ISBN: 9788804650379
396 pagine
Prezzo: € 20,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 21 febbraio 2017

Disponibile su: