• Malerba
  • "Malerba", erba cattiva: lo chiamavano così nel paese siciliano dove è nato. La sua storia comincia quando, ragazzino, viene spedito in Germania per allontanarlo da una giovinezza scapestrata. Ad Amburgo si inserisce in un ambiente di night e belle donne. Con le carte è abilissimo: al tavolo verde bara e si arricchisce. Coltiva nuove amicizie, scopre il sesso e il lusso. La Sicilia sembra lontanissima. Ma il destino lo richiama. Dopo il servizio militare, a vent'anni, torna al paese: un'immersione negli affetti famigliari prima di ripartire per la Germania. Ma proprio la sera precedente alla partenza resta ferito nella strage con...

  • Continua +
267 127 3122-48329

Autore

  • Carmelo Sardo
  • Carmelo Sardo

  • Carmelo Sardo, giornalista, siciliano di Agrigento, vive e lavora a Roma. Ha esordito nella narrativa con Vento di tramontana (Mondadori, 2010). Malerba (Mondadori, 2014), scritto insieme al detenuto ergastolano Giuseppe Grassonelli, ha vinto il prestigioso premio Leonardo Sciascia ed è stato pubblicato in Francia, Germania, Spagna e Giappone. Dal libro è stato tratto il docufilm Ero Malerba, con la regia di Toni Trupia, ed è stato avviato il progetto per la trasposizione cinematografica.

Autore

  • Giuseppe Grassonelli
  • Giuseppe Grassonelli

  • Giuseppe Grassonelli sta scontando la pena dell'ergastolo per una serie di omicidi commessi in Sicilia tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi degli anni Novanta.
    Arrestato nel novembre del 1992, da allora non è mai uscito dal carcere in quanto la condanna all'ergastolo ostativo (art. 4 bis) non gli consente di beneficiare di alcun permesso. Ha passato quindici anni nel rigore del 41 bis, il cosiddetto 'carcere duro', di cui tre in totale isolamento. Per buona condotta, da sei anni è stato declassato al regime AS1, detenuto di alta pericolosità.
    In carcere è entrato semianalfabeta, oggi è laureato in Lettere con 110 e lode.

Commenti

Carmelo Sardo e Giuseppe Grassonelli, "Malerba"

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere