• Le porte della percezione - Paradiso e Inferno
  • Nel 1953 Aldous Huxley sperimentò gli effetti della mescalina, una droga ben nota agli indiani del Messico. In uno stato di allucinazione, lo scrittore arriva a vedere una nuova essenza delle cose, in un mondo in cui le categorie di spazio e di tempo non predominano più e nel quale tutto ciò che gli accade è scisso da ogni sensazione utilitaristica. La natura dell'uomo e delle cose appare così sotto una luce nuova, arricchita di elementi altrimenti inconoscibili che Huxley riferisce invitando il lettore a liberarsi dai condizionamenti culturali per aprirsi alle infinite frontiere della creatività.

111 2350

Autore

  • Aldous Huxley
  • Aldous Huxley

  • Godalming, Surrey, 1894 - Los Angeles 1963. Appartenente a una illustre famiglia di scienziati, autore di numerosi saggi, è famoso per i romanzi distopici Il mondo nuovo (1932) e L'isola (1962). Tra le altre opere Giallo cromo (1921), Punto contro punto (1928), La scimmia e l'essenza (1948), I diavoli di Loudun (1952), Ritorno al mondo nuovo (1958).

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere