• C'è un popolo che vive di stenti in una terra ostile. Una terra in cui nevica sempre, anche d'estate, dove le valanghe incombono dalle giogaie dei monti e le api sono bianche. E dove gli uomini hanno la carnagione pallida, il carattere chiuso, le parole congelate in bocca. Però è gente capace di riconoscenza, di solidarietà silenziosa, con un istinto operoso che li fa resistere senza lamentarsi, che li fa lavorare con creativa alacrità, con una fierezza gioiosa. La loro voce è quella allegra del "campo liquido", il torrente che dà impulso a segherie e mulini. È proprio l'acqua che mette in moto tutte le attività, ed è l'ac...

  • Continua +
1192 122 1852

Autore

  • Mauro Corona
  • Mauro Corona

  • Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco, Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietra, Aspro e dolce, L'ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére, La fine del mondo storto (premio Bancarella 2011), La ballata della donna ertana, Come sasso nella corrente, Venti racconti allegri e uno triste, Guida poco che devi bere: manuale a uso dei giovani per imparare a bere, La voce degli uomini freddi (finalista premio Campiello 2014), Una lacrima color turchese e delle raccolte di fiabe Storie del bosco antico e Torneranno le quattro stagioni. Ha pubblicato inoltre La casa dei sette ponti (Feltrinelli, 2012) e Confessioni ultime (Chiarelettere, 2013).

Commenti

Mauro Corona, "La voce degli uomini freddi"

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere