• La vita è brutale e poi muori
  • Da più di dieci anni Valerio Montale vive in Africa. Dopo aver tentato i lavori più strani ha capito che spacciando droga si vive meglio che facendo il giornalista free-lance. Per questo ogni due o tre mesi vola in Guinea Bissau a fare un carico di cocaina, da trattare in Costa d'Avorio, dove abita, per poi rivenderla a diplomatici e operatori umanitari dall'altra parte del continente, a Addis Abeba.

    Una vita senza patria, nomade, priva di veri punti di riferimento. Con una sola eccezione: la figlia Malaika, una bambina di sei anni che, da quando la madre è morta, Valerio ha affidato alle cure della tata Melat e con cui non riesce davvero a...

  • Continua +
267 119 59979

Autore

  • Emilio Ernesto Manfredi
  • Emilio Ernesto Manfredi

  • Emilio Ernesto Manfredi è nato a Sesto San Giovanni nel 1976. Da oltre dieci anni vive in Africa tra Etiopia, Costa d'Avorio, Kenya, Senegal, e ha viaggiato e lavorato in oltre quaranta paesi del continente. È giornalista (ha scritto tra gli altri per 'l'Espresso', 'D - la Repubblica', 'Vanity Fair', 'Le Monde', 'il manifesto'), ricercatore (Human Rights Watch tra i molti centri di ricerca) e analista politico. Attualmente collabora con varie organizzazioni governative e non governative tra cui l'International Crisis Group.

Commenti

Altre edizioni
Dello stesso genere