Libro La fine del potere Moises Naim

La fine del potere

Sappiamo che il potere si sta spostando:
da Ovest a Est e da Nord a Sud, dai palazzi
presidenziali alle piazze e al cyberspazio,
dai formidabili colossi industriali alle agili
start-up e, in modo lento ma inesorabile, dagli
uomini alle donne. Chi oggi si trova in
posizioni di potere è più vincolato, ha meno
margini operativi e rischia di perdere il posto
come mai prima d’ora. Il potere sta diventando
più debole ed effimero: è divenuto
più facile da conquistare, ma più difficile da
esercitare e più semplice da perdere.
Ne La fine del potere, Moisés Naím, giornalista
pluripremiato ed ex direttore di «Foreign
Policy», illustra la lotta tra i grandi protagonisti
un tempo dominanti e i nuovi micropoteri
che li sfidano in ogni ambito dell’azione
umana. Una contrapposizione, quella tra
micropoteri ed establishment, che può sfociare
nel rovesciamento dei tiranni o nell’eliminazione
dei monopoli, ma anche condurre
al caos e alla paralisi.

Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti,
nell’ambito degli affari come in quello della
religione, dell’istruzione o della famiglia,
in pace come in guerra: nel 1977, ottantanove
paesi erano governati da autocrati, mentre
oggi oltre la metà della popolazione mondiale
vive in regimi democratici; nella seconda
metà del 2010, i primi dieci fondi speculativi
del mondo hanno registrato profitti
superiori a quelli complessivi delle sei banche
più importanti; gli amministratori delegati
sono sottoposti a maggiori vincoli e rimangono
in carica per un periodo più breve
rispetto ai loro predecessori; i moderni strumenti
di guerra sono più economici e accessibili,
tanto che gruppi come Hezbollah possono
permettersi di acquistare droni.
Chi detiene il potere lo conserva erigendo
imponenti barriere, ma oggi le forze rivali
smantellano quelle barriere più rapidamente
e facilmente che mai. Per poi scoprire, una
volta conquistato il comando, la loro stessa
vulnerabilità.

Appassionante e provocatorio, il libro di
Naím offre una prospettiva rivoluzionaria
sull’inevitabile fine del potere e sul modo in
cui essa cambierà il nostro mondo.

Moises Naim

Moisés Naím è membro del Carnegie Endowment for International Peace e collabora con numerose testate giornalistiche internazionali, tra cui «la Repubblica» e «l'Espresso ». Per oltre un decennio è stato direttore di «Foreign Policy». Sotto la sua guida, la rivista ha vinto tre volte il National Magazine Award for General Excellence ed è divenuta una delle pubblicazioni più autorevoli a livello mondiale nel campo della politica estera. Naím è stato anche ministro dell¿Industria e del Commercio del Venezuela e direttore esecutivo della Banca Mondiale. Vive a Washington, DC.


"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

Big Little Lies vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

La fine del potere

Moises Naim

La fine del potere

ISBN: 9788804626978
408 pagine
Prezzo: € 20,00
Formato: Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 14 maggio 2013

Disponibile su:

ISBN: 9788852038921
408 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 14 maggio 2013

Disponibile su: