• L'apocalisse della modernità
  • Nell'agosto 1914, allo scoppio delle ostilità, molti avevano esultato e si erano arruolati entusiasti.
Dopo pochi mesi, l'entusiasmo era scomparso.
Tutti si resero conto che la guerra era completamente diversa da quelle fino ad allora combattute: la realtà della Grande Guerra rappresentava, oltre che il tramonto della Belle Époque, il naufragio della civiltà moderna, una cesura drammatica tra il «prima» e il «dopo», che ha segnato e ancora segna la coscienza contemporanea.
Emilio Gentile ricostruisce il contesto sociale, culturale e antropologico entro il quale maturò quella che è ritenuta dagli storici una delle più tragiche...

  • Continua +
1217 110 2183

Autore

  • Emilio Gentile
  • Emilio Gentile

  • Emilio Gentile, romano, è oggi insieme con il suo maestro Renzo de Felice il principale storico del fascismo. Ha pubblicato opere molto importanti quali Il culto del littorio, Le origini dell'Ideologia fascista, Il mito dello stato nuovo dall'antigiolittismo al fascismo, tutte edite da Mondadori.

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere