• Il viaggio di Falcone a Mosca
  • Un filo rosso intessuto di tradimenti di Stato, trame dei servizi segreti, e soldi, tanti soldi, sembra legare indissolubilmente la strage di Capaci del maggio 1992, in cui furono uccisi Giovanni Falcone, sua moglie Francesca e gli agenti della scorta, ai nuovi poteri, soprattutto criminali, nati nel vuoto istituzionale e nell'instabilità politica generati dal crollo dell'ex Unione Sovietica. Un anno prima il procuratore generale della Federazione Russa, Valentin Stepankov, aveva iniziato a collaborare con il magistrato italiano nella comune indagine sugli aiuti finanziari concessi dal Pcus al Pci e sul ruolo giocato da mafia internazionale...

  • Continua +
109 45301-66845

Autore

  • Francesco Bigazzi
  • Francesco Bigazzi

  • Francesco Bigazzi,giornalista e saggista, è stato ricercatore del Cnr. Già direttore dell'Ansa, poi corrispondente del «Giorno» e di «Panorama», è stato collaboratore di numerose riviste scientifiche, settimanali e quotidiani. Dal 2004 al 2009 è stato addetto stampa e cultura presso il consolato generale di San Pietroburgo. È uno dei massimi esperti italiani del dissenso dell'Est europeo, un argomento a cui ha dedicato numerosi libri e saggi: Oro da Mosca (con Valerio Riva, 1999), Pci: la storia dimenticata (con Sergio Bertelli, 2001), Gli ultimi 28 (con Evgenij Zhirnov, 2002), Cremlini. Le fortezze dell'antica Russia (con Mauro Galligani, 2004) e Lenin, Stalin, Togliatti (con Giancarlo Lehner, 2014).

Autore

  • Valentin Stepankov
  • Valentin Stepankov

  • Valentin Stepankov è stato l'ultimo procuratore generale sovietico e il primo della Federazione Russa nata dopo il crollo dell'Urss.

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere