• Il primo amore non si scorda mai
  • "I ricordi prendono forma, ed è la forma del contenitore che li accoglie" scrive Roberto Alajmo, dando voce a quello che tutti noi sperimentiamo: i ricordi d'infanzia, i più lontani, sono inestricabilmente legati a oggetti, luoghi, persone. Nella vita adulta diventiamo capaci di isolare le emozioni, mentre la memoria prima, la più vivida, resta il serbatoio immaginario a cui attingere per tutta la vita.
    È così che in queste pagine il racconto di una formazione umana e sentimentale - quella dell'autore - ci tocca incredibilmente da vicino, in quanto a suo modo universale. Anche perché il racconto è accompagnato da piccoli ele...

  • Continua +
266 122 1360

Autore

  • Roberto Alajmo
  • Roberto Alajmo

  • Roberto Alajmo è nato a Palermo e insiste a viverci.
    Tra i suoi libri: Almanacco siciliano delle morti presunte (Edizioni della Battaglia, 1997), Le scarpe di Polifemo (Feltrinelli, 1998), Notizia del disastro (Garzanti, 2001), Cuore di madre (Mondadori, 2003), Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo (Mondadori, 2004), È stato il figlio (Mondadori, 2005), Palermo è una cipolla (Laterza, 2005) e 1982. Memorie di un giovane vecchio (Laterza, 2007), L'arte di Annacarsi. Un viaggio in Sicilia (Laterza 2010), Tempo Niente (Laterza 2011), Arriva la fine del mondo (e ancora non sai cosa mettere) (Laterza 2012).

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere