• Il duce proibito
  • Il regime fascista mise in campo una macchina mediatica formidabile. A guidarla fu lo stesso Mussolini, regista di un'autorappresentanza basata su canoni rigidissimi, che escludeva con zelo iconoclasta qualsiasi ritratto difforme dal modello prestabilito. Il duce in persona vagliava le fotografie, una per una. Il ventaglio delle immagini consentite si riduceva a pochi stereotipi: la posa imperiale, la folla acclamante, la superiore competenza in ogni campo.
    Il resto veniva scartato: piazze mezze vuote, uomini più imponenti, più eleganti, più abili del duce, italiani sofferenti, mutilati di guerra, soldati che non tengono la fila, che sba...

  • Continua +
1217 110 2133-2631

Autore

  • Mimmo Franzinelli
  • Mimmo Franzinelli

  • Mimmo Franzinelli, storico del fascismo e dell'Italia repubblicana, è autore di numerosi saggi, fra cui, da Mondadori: Il piano Solo. I servizi segreti, il centrosinistra e il «golpe» del 1964 (2010), Il prigioniero di Salò. Mussolini e la tragedia italiana del 1943-1945 (2012), Il duce e le donne (2013), Bombardate Roma! Guareschi contro De Gasperi: uno scandalo della storia repubblicana (2014) e Disertori. Una storia mai raccontata della Seconda guerra mondiale (2016). Nel 2002 gli è stato conferito il Premio internazionale Ignazio Silone.

Autore

  • Emanuele Valerio Marino
  • Emanuele Valerio Marino

  • Emanuele Valerio Marino, regista e sceneggiatore, dal 1966 al 1990 ha diretto l'Archivio storico fotocinematografico dell'Istituto Luce. Tra le sue realizzazioni cinematografiche: Maldafrica, Il regno del Sud, La guerra di Spagna e, con Nicola Caracciolo, I 600 giorni di Salò. Con Mimmo Franzinelli ha pubblicato Il duce proibito (Mondadori 2003).

Commenti

Dello stesso autore
Dello stesso genere