Libro Il demone a Beslan Andrea Tarabbia

Il demone a Beslan

Marat Bazarev è quello che è sopravvissuto e
sopravviverà.

È l’uomo che, con i suoi compagni, una mattina
di sole di settembre è entrato nella scuola
numero 1 di Beslan. E lì ha dato inizio alla
fine. 334 morti, di cui oltre la metà bambini:
questo il bilancio dei tre giorni di sequestro in
cui più di mille persone sono state tenute in
ostaggio da un commando di separatisti ceceni.
Marat è l’unico fra gli attentatori a essere
uscito vivo dalla scuola, catturato dalla polizia
russa e imprigionato in un carcere di massima
sicurezza a Mosca. E qui, chiuso in una
cella gelida e isolata, scrive la sua ultima confessione.
È pronto ad assumersi la responsabilità
che gli spetta, ma ha anche un’urgenza
più forte: raccontare la sua storia.

È così che comincia: con Marat e il suo migliore
amico Shamil seduti sull’erba di un anfiteatro
in un pomeriggio di pace, con Shamil
che ridendo si allontana nella boscaglia e dopo
pochi passi lancia un urlo terrificante. Nascosti
sotto un mucchio di pietre e frasche trovano
sette corpi straziati: è il primo segnale. A
casa li attende un villaggio saccheggiato e deserto,
le porte delle case spalancate e nessuno
dei familiari e degli amici.

È così che comincia: Marat in quel pomeriggio
terribile capisce che non esiste più una
legge e nemmeno le regole, che non c’è onore
né coraggio, ma solo paura. E allora si unisce
ai guerriglieri in montagna, e con loro si prepara
a un’azione in grado di rimbombare da
un capo all’altro del mondo.
È così che comincia: in un giorno di festa
pieno di fiori, in una scuola alla periferia del
Caucaso e del mondo.

Facendosi carico di tutto il peso e la colpa
della voce di Marat, Andrea Tarabbia immagina
una storia di vento, fango, sangue e vendetta,
la storia di un’amicizia che resiste a tutti gli
orrori. Con delicatezza e profondità, racconta
il viaggio dentro il male nella sua forma più
umana e disperata, a confronto con i demoni
che terrorizzano l’Occidente. E lo fa con una
forza che non si dimentica.

Andrea Tarabbia

Andrea Tarabbia (Saronno, 1978) ha pubblicato i romanzi La calligrafia come arte della guerra (Transeuropa 2010) e Marialuce (Zona 2011), il saggio Indagine sulle forme possibili (Aracne 2010) e l'e-book La patria non esiste (Il Saggiatore 2011). Scrive sulla rivista "Il primo amore". Suoi articoli sono apparsi su "Liberazione", "Nuovi Argomenti", "Quaderni di rassegna sindacale", "Nazione Indiana".


Libri dello stesso genere

"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

Big Little Lies vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

Il demone a Beslan

Andrea Tarabbia

Il demone a Beslan

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788804604211
360 pagine
Prezzo: € 18,50
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 23 agosto 2011

Disponibile su:

Genere: Narrativa Contemporanea
ISBN: 9788852020186
360 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 30 agosto 2011

Disponibile su: