• Elegie romane
  • Composte tra il giugno 1887 e il maggio 1892, anno della pubblicazione, queste Elegie romane rievocano l'amore di Gabriele d'Annunzio per Elvira Natalia Fraternali Leoni, da lui ribattezzata Barbara, sullo sfondo della Città Eterna. Ispirate, fin dal titolo, alle Römische Elegien di Goethe, le venticinque elegie comprese nella silloge segnano l'inizio di una nuova fase artistica nella produzione del Vate, con la crisi dell'esperienza parnassiana e la consapevole apertura al simbolismo. È il periodo in cui nascono i suoi maggiori capolavori, dal Piacere a L'innocente, dal Trionfo della morte al Poema paradisiaco, il cui influsso creativo si...

  • Continua +
1216 122 1905

Autore

  • Gabriele d'Annunzio
  • Gabriele d'Annunzio

  • Pescara 1863 - Gardone Riviera, Brescia, 1938. Scrittore simbolo del Decadentismo non solo italiano, attivo anche come militare e politico, prolifico in ogni genere ' dalla poesia al romanzo, dalla prosa d'arte alla critica ' ottenne il primo successo nel 1889 con il romanzo Il Piacere.

Commenti

Dello stesso autore
Altre edizioni
Dello stesso genere