Libro Economia del bene comune Jean Tirole

Economia del bene comune

Dopo la caduta del Muro di Berlino e il clamoroso fallimento – anche culturale, sociale ed ecologico – del socialismo reale e della pianificazione statale centralizzata, l’economia capitalistica di mercato è diventata il modello dominante, se non esclusivo, di organizzazione delle società contemporanee. Ma, come dimostra la crisi finanziaria globale che da circa un decennio ha drammaticamente peggiorato le condizioni di vita di milioni di persone, la prevalenza del profitto e dell’interesse privato sembra disegnare scenari molto diversi da quello di una comunità fondata sul principio della pari dignità dei cittadini e sul patto sociale della riduzione delle ineguaglianze. Che fine ha fatto, in questi ultimi decenni, la ricerca del bene comune, che dovrebbe essere il compito e il fine di una società giusta? E in che modo la teoria economica può contribuire al concreto perseguimento di questo obiettivo?

Per rispondere a queste domande, l’economista premio Nobel Jean Tirole propone al lettore non specialista un singolare percorso all’interno della scienza economica – da lui definita la «finestra sul mondo» che consente di individuare le politiche e le istituzioni che possono promuovere il bene comune – il cui punto d’arrivo è l’acquisizione delle informazioni necessarie per affrontare efficacemente le grandi sfide del nostro tempo. Sotto la sua guida sicura, le tante questioni che interrogano oggi l’umanità – la rivoluzione digitale, con i nuovi modelli economici a cui dà vita, l’innovazione tecnologica, la concorrenza e la regolamentazione settoriale – emergono in una luce inedita e, al contempo, si rivelano potenziali strumenti per superare alcune diffuse criticità del contesto attuale. La crisi finanziaria, la crescita della disoccupazione e delle disuguaglianze, l’inettitudine dei leader alle prese con il cambiamento climatico, la fragilità della costruzione europea, l’instabilità geopolitica e la crisi dei migranti che ne deriva, l’affermazione dei populismi in ogni parte del mondo, sembrano problemi insormontabili, ma le soluzioni, sostiene con forza Tirole, esistono. Prima fra tutte, comprendere a fondo la semplice verità che la somma degli interessi individuali degli agenti economici non si tramuta in benessere collettivo, e quindi in bene comune, grazie alle sole virtù del mercato, ma perché ciò accada è indispensabile l’intervento correttivo di un’istanza pubblica e regolatrice.

Jean Tirole

Jean Tirole, vincitore del premio Nobel per l'economia nel 2014, è direttore della fondazione Jean-Jacques Laffont della Toulouse School of Economics, nonché direttore scientifico dell'Istituto di economia industriale (idei) di Tolosa.


"Lacrime di sale" vince il premio Premio Brancati Zafferana

Lacrime di Sale, di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta è il libro vincitore della sezione Saggistica del "Premio Letterario Brancati Zafferana 2017".  Nella…

"Big Little Lies" vince 8 Emmy

Miglior Miniserie a "Big Little Lies", tratto dal romanzo di Liane Moriarty Nella notte degli Emmy Awards 2017 - gli…

Pordenonelegge 2017

Gli autori Mondadori a Pordenone È Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto che inaugura la 18°…

"La tua vita in un libro": il concorso letterario di Donna Moderna

Donna Moderna offre alle sue lettrici la possibilità di diventare scrittrici e vedere pubblicato il proprio libro dalla casa editrice Mondadori.…

Cresce il successo all'estero di Sandrone Dazieri

Ancora prima di uscire in Italia, il terzo volume della trilogia di Sandrone Dazieri, iniziata con Uccidi il padre, e dal titolo…

Economia del bene comune

Jean Tirole

Economia del bene comune

ISBN: 9788804679943
576 pagine
Prezzo: € 25,00
Formato: 14,0 x 21,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 30 maggio 2017

Disponibile su: