• Buio a mezzogiorno
  • Mosca, anni Trenta. Compito del commissario politico Nicolaj Salmanovic Rubasciov è scoprire gli avversari del regime, interrogarli, punirli. Ma il destino porta anche lui sul banco degli imputati, vittima dello stesso aberrante trattamento che fino a poco prima era lui a infliggere. Rubasciov inizialmente si difende, respinge le accuse, resiste alla tortura. Poi, infallibilmente, capitola. L'indottrinamento di un'ideologia politica vissuta con l'assolutismo di una fede granitica ha la meglio su ogni ragionevolezza, su ogni istinto di conservazione. E Rubasciov finisce con il condividere il punto di vista dei suoi inquisitori, e accetta la m...

  • Continua +
1198 122 2440

Autore

  • Arthur Koestler
  • Arthur Koestler

  • Arthur Koestler (Budapest 1905 - Londra 1983), di famiglia ebraica, visse a Vienna a partire dagli anni Venti. Abbandonati gli studi al Politecnico per la politica nel 1925, nel 1926 si trasferì in Palestina, con i primi coloni. Iniziò a lavorare come corrispondente dal Medio Oriente per diverse testate europee e continuò la carriera giornalistica anche dopo il rientro in Europa. Nel 1931 si iscrisse al Partito comunista, che lasciò pochi anni dopo deluso dalla piega autoritaria dello stalinismo. Con l'ascesa del nazismo si rifugiò prima in Unione Sovietica, quindi in Francia e infine in Gran Bretagna, di cui divenne cittadino.
    È autore di numerose opere, soprattutto romanzi, testi autobiografici, saggi di politica e di scienze, tra i quali I gladiatori (1939), Buio a mezzogiorno (1940), Lo Yogi e il commissario (1947), L'età del desiderio (1951).

Commenti

Altre edizioni
Dello stesso genere