• Anatomia della distruttività umana
  • Uno dei più grandi maestri contemporanei di scienze umane svolge in questo libro un'indagine globale, dall'età primitiva al Novecento, sull'innata tendenza dell'uomo alla violenza distruttiva. Attraverso un'analisi articolata e puntuale Fromm si propone di liberare il concetto di "distruttività" da quei fondamenti (naturali o sociali) che le principali scuole psicologiche contemporanee ritengono assoluti, mostrando così, invece, come siano fatti culturali, convenzionali, politici e più genericamente storico-sociali a condizionare i cosiddetti "istinti sadici" dell'uomo.
    Le pulsioni a controllare, sottomettere, tortura...

  • Continua +
1215 125 2143

Autore

  • Erich Fromm
  • Erich Fromm

  • Erich Fromm (Francoforte 1900 - Locarno 1980) ha studiato alle università di Heidelberg e di Monaco e all'Istituto di psicoanalisi di Berlino. Con Adorno, Horkheimer, Marcuse e altri ha lavorato nell'ambito dell'Institut für Sozialforschung di Francoforte. È vissuto negli Stati Uniti dal 1934; ha insegnato alla Columbia, Michigan e Yale University, oltre che all'Università nazionale del Messico. Fra le sue opere più famose, in edizione Oscar: L'arte di amare (1968), La crisi della psicoanalisi (1971), Anatomia della distruttività umana (1975), Grandezza e limiti del pensiero di Freud (1979), La disobbedienza e altri saggi (1982), L'amore per la vita (1984), Fuga dalla libertà (1987).

Commenti

Dello stesso autore
Dello stesso genere