• Anatomia della distruttività umana
  • Uno dei più grandi maestri contemporanei di scienze umane svolge in questo libro un'indagine globale, dall'età primitiva al Novecento, sull'innata tendenza dell'uomo alla violenza distruttiva. Attraverso un'analisi articolata e puntuale Fromm si propone di liberare il concetto di "distruttività" da quei fondamenti (naturali o sociali) che le principali scuole psicologiche contemporanee ritengono assoluti, mostrando così, invece, come siano fatti culturali, convenzionali, politici e più genericamente storico-sociali a condizionare i cosiddetti "istinti sadici" dell'uomo.
    Le pulsioni a controllare, sottomettere, tortura...

  • Continua +
1215 125 2143

Autore

  • Erich Fromm
  • Erich Fromm

  • Erich Fromm (Francoforte 1900 - Locarno 1980) ha studiato alle università di Heidelberg e di Monaco e all'Istituto di psicoanalisi di Berlino. Con Adorno, Horkheimer, Marcuse e altri ha lavorato nell'ambito dell'Institut für Sozialforschung di Francoforte. È vissuto negli Stati Uniti dal 1934; ha insegnato alla Columbia, Michigan e Yale University, oltre che all'Università nazionale del Messico. Fra le sue opere L'arte di amare (1963), Fuga dalla libertà (1963), La crisi della psicoanalisi (1971), Anatomia della distruttività umana (1975), Avere o essere? (1977), Grandezza e limiti del pensiero di Freud (1979), La disobbedienza (1982), L'amore per la vita (1984).

Commenti

Dello stesso autore
Dello stesso genere